MestreToday

Lavori di pubblica utilità: "Un passo importante verso la comunità e se stessi"

Gli operatori coinvolti nel programma di reinserimento hanno pulito pozzetti, canalette di scolo e vialetti al parco Albanese, mentre in biblioteca hanno messo in sicurezza 40 mila documenti

"I lavori di pubblica utilità garantiscono ai beneficiari coinvolti un guadagno economico, una proposta formativa e un inserimento lavorativo. Alla comunità locale un miglioramento della qualità dei servizi pubblici, alla stessa amministrazione un risparmio sui costi. Le attività che oggi ho potuto verificare sono state realizzate con dedizione e cura". Queste le parole dell'assessore alla Coesione sociale, Simone Venturini, dopo la visita di martedì a Mestre di alcuni cantieri dove è attivo il progetto “Venezia-LPU.017”, finanziato dalla Regione Veneto e dal Comune di Venezia, per l’integrazione e l’inserimento lavorativo dei cittadini che versano in situazioni di disagio.

Schermata 2018-04-03 alle 18.26.51-2

Parco Albanese e biblioteca Vez

Per le persone impegnate nel progetto si tratta di un passo importante verso l'autonomia personale e verso la crescita della fiducia in loro stessi. "Visti i risultati positivi intendiamo continuare e rafforzare queste progettualità anche nel prossimo futuro”, ha commentato Venturini. Sono finora stati possibili alcuni interventi straordinari a beneficio del decoro e volti a garantire una maggior fruibilità dei servizi. Al parco Albanese sono state svolte le pulizie di oltre cento pozzetti di acque bianche, di centinaia di metri di canalette di scolo e vialetti, la pulizia di scarichi intasati nei bagni pubblici del Parco, e sono state realizzate piccole e varie manutenzioni di natura idraulica, come l’apertura e l’installazione di rubinetti fontanelle, oltre che la raccolta rifiuti. Alla biblioteca Vez le lavoratrici sono state  impiegate nell'allestimento del sistema di antitaccheggio, che consentirà nuove modalità di gestione e di protezione del patrimonio librario. Ad oggi sono stati etichettati circa 40 mila documenti su un totale di 135 mila tra libri, cd e dvd della biblioteca. I lavori continueranno nei prossimi mesi con la sistemazioni di ulteriori aree verdi e la prosecuzione dell'opera di manutenzione del parco. 

Schermata 2018-04-03 alle 18.56.05-2

Il progetto

Si sta realizzando con la collaborazione del Consorzio Csu Zorzetto e delle cooperative sociali Co.Ge.S - don Lorenzo Milani, Labor, Libertà, S.AR.HA, MA.CE, Primavera e Non solo Verde, e coinvolge 28 beneficiari che stanno svolgendo in diversi uffici del Comune e aree territoriali attività a carattere straordinario e temporaneo come ad esempio giardinaggio in aree pubbliche, servizi ambientali e di sviluppo del verde, attività di riordino, inventariazione e catalogazione di materiale d'archivio, sgombero e trasferimento locali, manutenzione pubblica. I lavori di pubblica utilità si stanno realizzando anche al Parco San Giuliano, a supporto del Servizio Logistica impegnato nelle varie sedi comunali, al centro logistico Tronchetto, all’Archivio e biblioteca di Ca’ Farsetti, e al centro Candiani. "Per le persone impegnate nel progetto si tratta di un passo importante verso l'autonomia personale - ha concluso l'assessore - e verso la crescita della fiducia in loro stessi. Visti i risultati positivi intendiamo continuare e rafforzare queste progettualità anche nel prossimo futuro”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Visite ad amici o parenti in casa: le regole per il Veneto da sabato

  • Visite in casa a parenti e amici: le regole per il Veneto a partire da domani

  • Come cambia da domani il Veneto: regole, restrizioni e cosa si può fare

  • Chiude la Coop alla Nave de Vero. Al suo posto potrebbe arrivare Primark

  • Col nuovo Dpcm, dal 16 gennaio il Veneto rimarrà (quasi sicuramente) in area arancione

  • Dpcm, quando serve l'autocertificazione in Veneto: il modello ufficiale da scaricare

Torna su
VeneziaToday è in caricamento