MestreToday

Intitolata a Edith Stein la rotonda tra via Porto di Cavergnago e via Anselmi

È una delle nuove opere della Vallenari bis, in zona Bissuola a Mestre. È stata ricordata la figura di una donna simbolo di forza e sacrificio

Anche un gesto "semplice" come l'inaugurazione di una rotatoria può avere significati importanti dal punto di vista culturale: in questo caso è l'intitolazione dell'opera a una donna di grande valore, Edith Stein. «Abbiamo fatto questa scelta - ha detto l'assessore Mar - perché, anche se non è un nome altisonante, si tratta di una persona che ha testimoniato con il proprio sacrificio una scelta di vita importante. Ebrea convertita, è morta nei campi di concentramento, è stata dichiarata santa e simboleggia una testimonianza di vita quotidiana, silente».

Rotatoria Edith Stein

La rotonda è quella tra via Porto di Cavergnago e via Anselmi (altra strada intitolata di recente a una donna). Alla cerimonia, stamattina, hanno partecipato il sindaco Brugnaro, il patriarca Moraglia, il questore Masciopinto, gli assessori Mar, Boraso e Venturini, oltre a rappresentanti delle forze dell'ordine e della polizia locale. Moraglia ha sottolineato che Stein «è testimone dei valori che l'Europa aveva smarrito» ai tempi della seconda guerra mondiale, e anche della necessità di «conciliare le diversità nell'unità». «Era una professoressa universitaria tedesca, di origini ebraiche - ha ricordato - che a un certo punto della sua vita ha abbracciato la religione cattolica. Prelevata dalla Gestapo dal convento in cui viveva, in Olanda, è stata portata in campo di concentramento. Qui ha testimoniato la sua fede sino all'ultimo. È bello che figure così nobili vengano ricordate nelle toponomastica della città, per diventare esempi importanti per tutta la comunità, a cominciare dai nostri giovani».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Edith Stein è morta il 9 agosto 1942, all'età di 51 anni, ad Auschwitz, insieme alla sorella Rosa, anch'essa entrata nell'ordine delle carmelitane scalze. Nel 1998 è stata proclamata santa da papa Giovanni Paolo II, che l'anno successivo l'ha pure designata come “patrona d'Europa”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento