menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ruba dentro gli uffici di Equitalia, il ladro viene tradito dall'allarme

Un 28enne di nazionalità marocchina è stato arrestato dai carabinieri dopo essere stato sorpreso in azione negli uffici di via Torino a Mestre

Voleva festeggiare il Capodanno "col botto". Ma non nel senso in cui tutti gli altri hanno interpretato l'ultimo giorno del 2014, bensì facendo man bassa negli uffici di Equitalia e della Coldiretti Veneto di via Torino a Mestre. Per lui invece il 2015 è iniziato con il rumore del tintinnio delle manette, visto che subito dopo l'incursione tra mercoledì e giovedì è stato arrestato dai carabinieri. Si tratta di un 28enne di nazionalità marocchina senza fissa dimora che una volta penetrato nello stabile che ospita sia l'associazione di categoria, sia la società di riscossione, si era impadronito di cancelleria e di materiale informatico.

Nel mirino penne, computer portatili, hard disk e chiavette usb, materiale che poi è stato interamente restituito ai legittimi proprietari. A tradire l'intruso il sistema d'allarme anti intrusione, scattato nel momento in cui il malintenzionato è entrato in azione. Dopo pochi minuti sono intervenute sul posto le pattuglie del nucleo operativo dell'Arma, che hanno iniziato a ispezionare i locali della struttura. Finché non si sono imbattute nel ladruncolo, il quale si era ferito pure a un dito sfondando le porte a vetri con un estintore. I carabinieri hanno quindi portato l'intruso in caserma e l'hanno arrestato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Veneto sarà quasi di sicuro in area arancione, Zaia: «Oggi l'Rt è a 1,12»

  • Cronaca

    Ordinanza anti alcol a Venezia in vista del weekend

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento