menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sorpreso a rubare, prende a calci e "schiaccia" un agente: arrestato

Un 26enne moldavo giovedì mattina è scappato in bici da un supermercato di viale Vespucci. Colluttazione con un poliziotto

Prima lancia una lattina di birra contro gli addetti alla sicurezza, poi intraprende una fuga senza speranza in sella a una bicicletta braccato dalla polizia. Giovedì mattina il taccheggio di una forma di mezzo chilo di formaggio è andato decisamente storto per un 26enne moldavo. Infatti si è concluso con l'arresto per rapina impropria, porto di armi od oggetti atti a offendere, resistenza e lesione a pubblico ufficiale.

Non che il ladruncolo in questione avesse certo intenzione di inanellare un reato dietro l'altro. Fatto sta che verso le 10 la sala operativa della questura viene allertata dal personale del supermercato Spak di viale Vespucci a Mestre. Un giovane, dopo essere stato sorpreso a rubare, aveva reagito con violenza. Scagliando una lattina di birra contro i dipendenti ma senza colpire nessuno. A quel punto il delinquente è salito in sella a una bicicletta nera e ha iniziato a scappare, investendo nella fretta anche un altro ciclista che, ignaro di tutto, si è ritrovato in traiettoria mentre il 26enne cercava di disfarsi del formaggio trafugato.

A quel punto la Volante della polizia, intervenuta sul posto, vede il fuggitivo e tenta di raggiungerlo. Ma l'inseguimento ha un "secondo round". Il ladro, infatti, per evitare l'arresto, a un certo punto si è inoltrato nel parco pubblico tra via Bissagola e via Caviglia, pedalando a fatica a causa del fango. Per questo gli agenti a piedi sono riusciti a raggiungerlo e a prenderlo per il giubbotto. Ma la furia del taccheggiatore non si era ancora sopita: dopo aver lasciato cadere a terra la bicicletta a braccia aperte ha tentato di colpire gli operanti con degli schiaffi a vuoto. Dopodiché un agente è stato colpito da dei calci che lo hanno fatto cadere a terra, venendo schiacciato con il corpo dal fuggitivo.

Per il rappresentante delle forze dell'ordine, accompagnato al termine dell'operazione al pronto soccorso dell'ospedale "Dell'Angelo" e dimesso con una prognosi di dieci giorni, un trauma da schiacciamento al braccio destro. Il furfante infatti gli era caduto sopra. Per il 26enne moldavo inevitabili le manette.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento