menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ladro in azione nel bar dell'ospedale di Mestre: arriva la polizia e lo trova ancora là

Il tentato furto con scasso nella notte fra venerdì e sabato. Il malvivente ha scelto male il suo obiettivo, è stato visto dalle guardie giurate che hanno chiesto l'intervento del 113

Un ladro decisamente poco furbo, visto che ha deciso di "visitare" una struttura in cui i controlli non mancano. Si è introdotto la notte scorsa nel bar dell'ospedale dell’Angelo di Mestre, il Vive Cafè, precisamente all’interno di uno stanzino adibito a ufficio privato del gestore, dopo averne divelto la porta con un cacciavite. Erano le 2.50 quando è scattato l'allarme: il personale della vigilanza privata Civis e altre persone dell’ufficio manutenzione dell’ospedale hanno notato l'uomo mentre, con una torcia, si aggirava nel bar cercando di nascondersi alla loro vista.

Sul posto è stato immediatamente inviato un equipaggio delle volanti: i poliziotti hanno sorpreso il ladro ancora lì, nascosto all'interno di una saletta. Tutti gli ambienti erano stati messi a soqquadro. Nel frattempo gli agenti di un'altra volante giunta in supporto alle operazioni hanno controllato i dintorni alla ricerca di eventuali complici, con esito negativo. Accanto all'uomo fermato sono stati trovati un cacciavite in acciaio lungo 40 centimetri, una torcia ed una chiave multiuso; addosso al malvivente, invece, c'erano diversi blister di monete, evidentemente asportati dalle casse, per una somma totale di 180 euro.

L'uomo, 26enne bulgaro, oltre che per il furto deve rispondere anche del porto di arnesi atti allo scasso. Il giorno successivo è stato condannato a 10 mesi di carcere, con immediata applicazione della custodia cautelare. Oltretutto nel corso dell'udienza il ladro se l'è presa con il giudice, rivolgendogli dei gesti d’offesa espliciti. Per questo è stato attivato un ulteriore procedimento penale a suo carico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento