rotate-mobile
Mestre Mestre Centro

Stazioni sempre più accessibili, avanti tutta con i lavori a Mestre

Rfi annuncia interventi in tre scali veneti fino al 2017: si lavora per abbattere le barriere architettoniche e migliorare parcheggi, segnaletica e illuminazione

Avanti con i lavori, Rfi fa il punto della situazione nelle stazioni ferroviarie italiane e venete. Sono già in corso alcuni degli interventi di riqualificazione per eliminare le barriere architettoniche e migliorare l’accessibilità, programmati e avviati nel 2014 da Rete ferroviaria italiana (gruppo FS italiane), che interessano circa 70 scali del network nazionale e saranno conclusi entro il 2017.L'investimento complessivo è di oltre 150 milioni di euro. I cantieri sono operativi in nove regioni italiane.

A Mestre i lavori sono già in corso, ma in Veneto tocca anche a Treviso Centrale e Bassano per un investimento nella regione di circa 5 milioni. In particolare, per rendere più fruibili le stazioni anche alle persone a ridotta mobilità e con disabilità è previsto: l’innalzamento dei marciapiedi (a 55 centimetri), per facilitare entrata e uscita dai treni; la ristrutturazione dei sottopassaggi pedonali e la realizzazione di nuove rampe di accesso per collegare i binari di stazione; l’installazione e attivazione di ascensori; l’inserimento di percorsi e mappe tattili per gli utenti non vedenti; la realizzazione di nuove pensiline e il miglioramento di quelle esistenti; nuovi monitor e impianti di diffusione sonora per una più efficiente informazione audio e video ai viaggiatori; una più chiara e visibile segnaletica di stazione; il potenziamento dell’illuminazione con luci a led; la riqualificazione architettonica delle stazioni; lo sviluppo delle aree di accesso alla stazione (parcheggi auto, stalli per la sosta delle due ruote, sistemi per facilitare salita e discesa dei viaggiatori, senza bici in spalla).

Rfi ricorda che nei primi otto mesi dell’anno sono stati circa 186mila in tutta Italia gli interventi dedicati a persone con ridotta mobilità e disabilità. Sei richieste su dieci sono per treni a lunga percorrenza e si concentrano nelle 14 stazioni sede delle Sale Blu (tra cui Venezia Santa Lucia), punto di riferimento nelle stazioni i disabili che viaggiano in treno. Le Sale Blu, aperte tutti i giorni dalle 6.45 alle 21.30, forniscono informazioni utili per usare al meglio il servizio: orari e modalità di prenotazione; richiesta di sedia a rotelle; servizio di guida in stazione; accompagnamento al treno o all’uscita; assistenza con carrelli elevatori per salire e scendere dai treni e il servizio gratuito di portabagagli (per un solo bagaglio). Il servizio di assistenza può essere chiesto sia all'impresa di trasporto scelta per il viaggio, sia a una delle 14 Sale Blu: direttamente oppure inviando una e-mail. È possibile effettuare la prenotazione anche telefonando al numero verde gratuito 800 90 60 60 (rete fissa); oppure al numero unico nazionale a pagamento 199 30 30 60 (rete fissa e mobile). Informazioni di dettaglio possono essere acquisite anche consultando il sito di RFI all’indirizzo web rfi.it, sezione Accessibilità stazioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stazioni sempre più accessibili, avanti tutta con i lavori a Mestre

VeneziaToday è in caricamento