menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Come sarà via Poerio dopo i lavori

Come sarà via Poerio dopo i lavori

La nuova via Poerio sta arrivando, entro Natale conclusi i primi lavori

Il cronoprogramma dei lavori procede in maniera regolare e presto potranno iniziare gli interventi per il passaggio sotto l'ex emeroteca

Il maltempo li ha resi più difficili, ma i lavori in via Poerio non rallentano: entro Natale, come da cronoprogramma, sarà infatti terminato l’intervento sulla prima parte del primo lotto, quello che da via Brenta Vecchia arriva sino al ponte della Campana. Lo ha annunciato martedì mattina l’assessore comunale ai Lavori pubblici, Alessandro Maggioni, nel corso della conferenza stampa, svoltasi all’imbocco della galleria Matteotti, dove è stato fatto, anche alla presenza del presidente della Municipalità Mestre Carpenedo, Massimo Venturini, e del delegato ai Lavori pubblici, Vincenzo Conte, il punto sui lavori.

IL CRONOPROGRAMMA DEI LAVORI IN VIA POERIO

I COMMENTI - “Le buone notizie – ha spiegato Maggioni – non finiscono qui, visto che siamo già in fase di progetto esecutivo anche per quanto riguarda la realizzazione del passaggio sotto i portici dell’ex emeroteca. È un altro degli interventi che abbiamo concordato con cittadini e categorie produttive, facendo di questo, che è uno dei progetti qualificanti della Mestre del ventunesimo secolo, un vero e proprio processo partecipato. Attendiamo ora solo il parere ufficiale della Curia, per dare il via ai lavori, che dovrebbero concludersi poi entro la primavera del 2014, in contemporanea con la seconda parte del primo lotto di via Poerio, quello che va al ponte della Campana a calle due Portoni. L’intervento sull’edificio dell’ex Emeroteca, invece, verrà terminato entro l’autunno del prossimo anno”.

IL FUTURO - In rampa di lancio potrebbe essere a breve, anche il secondo lotto di via Poerio, nel tratto tra calle due Portoni e via Verdi, per cui si attende il finanziamento del Piano Città: se non ci saranno intoppi i lavori potrebbero concludersi entro i primi mesi del 2015. “In un anno e mezzo - ha concluso Maggioni – Mestre dovrebbe diventare, grazie anche alla realizzazione degli interventi in via Costa, al Candiani, in Galleria Barcella, una città ancora più fruibile e vivibile, che nasce su progetti condivisi, col fattivo apporto dei residenti e delle forze vive del nostro territorio”.

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento