MestreToday

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Grasso a Mestre: "Lavoro, infrastrutture e istruzione: con scienza e coscienza separati dal Pd"

Pietro Grasso a Mestre venerdì, accanto ai candidati per la Camera e Senato veneziani e veneti, come leader di Liberi e Uguali.

 

"Il Pd non è più un partito di sinistra". Da questo presupposto si snodano tutti gli obiettivi intorno ai capisaldi del programma del partito del presidente del Senato. Istruzione, Sanità, lavoro, infrastrutture e ambiente, con una carbon tax pronta per incentivare politiche energetiche rispettose del territorio, dell'aria e del suolo, e penalizzare e spronare le imprese che non si adeguano a seguire il tracciato indicato dall'Ue. I candidati hanno affrontato uno ad uno i temi caldi della campagna elettorale. Compresa quello dell'immigrazione. "Chiudere Conetta", è l'appello dell'ex vice sindaco di Venezia, Michele Mognato.

Gli fanno eco, per la Città metropolitana, Giulio Marcon , candidato al Senato, che si rivolge direttamente al sindaco 'Batman': "Ripristinare la democrazia e il confronto nella politica locale", e sulle grandi navi chiarisce: "Basta scavare canali".

Pietro Grasso è l'ultimo intervento della serata. "Per anni ho lavorato contro mafie e corruzione. A 24 anni ero magistrato e non ho potuto partecipare in piazza con i miei coetanei alle manifestazioni del '68, ma la passione per la sinistra e per la politica mi sono rimaste dentro - ha detto Grasso -. E ora invece di dedicarmi alla famiglia e ai nipoti, ho deciso di farmi carico dei nipoti di tutta Italia". Sul Pd: "Avevamo posto alcune semplici richieste, sulla legge elettorale, sul ticket sanitario per i meno abbienti e sull'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori, che volevamo ripristinato. Ci hanno detto 'No'. Allora abbiamo deciso di creare un altro programma".

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento