MestreToday

M9, alla ricerca di un profilo d’eccellenza: al via selezione di un direttore per il museo del 900

Si cerca "un candidato che sia idoneo a guidare una realtà che vuole diventare punto di riferimento internazionale per contenuti, innovazione e capacità di essere un modello"

Una posizione di responsabilità che al contempo potrebbe legare una carriera a una realtà che potenzialmente potrebbe avere una eco internazionale. La Fondazione di Venezia ha indetto, in qualità di committente, un avviso pubblico per la raccolta di candidature finalizzata al conferimento dell’incarico di direttore del “Museo del Novecento” che a dicembre dovrebbe essere inaugurato in via Poerio a Mestre. "Una figura d’eccellenza che sarà punto di riferimento a livello nazionale ed internazionale", si legge. La selezione è stata affidata a Praxi, società di consulenza specializzata.

Funzioni

Nell’avviso si delineano con precisione ruolo e funzioni del direttore, il quale dovrà programmare, indirizzare e coordinare tutte le attività culturali e scientifiche di M9, inclusa l’organizzazione di mostre ed esposizioni. Dovrà avere come obiettivo "la valorizzazione e promozione del patrimonio museale", assicurando elevati standard qualitativi nella gestione, comunicazione ed innovazione didattica e tecnologica. Avrà il compito di dirigere il personale del museo e di proporre iniziative di divulgazione e ricerca legate alle attività espositive. L’incarico di Direttore prevede un contratto a tempo determinato, full time, per una durata di tre anni, rinnovabile.

Requisiti

Nell’avviso pubblico vengono delineati i requisiti del candidato/a ideale: laurea specialistica/magistrale/vecchio ordinamento, o titolo di studio equivalente conseguito all’estero, esperienza almeno triennale in funzioni direttive in musei pubblici e/o privati, in Italia o all’estero, o possesso di particolari specializzazioni professionali, culturali, scientifiche, desumibili da formazione accademica, da pubblicazioni scientifiche e da esperienze di lavoro maturate, per almeno tre anni, presso musei pubblici o privati, oppure aver maturato significative esperienze in ambito curatoriale, editoriale, televisivo, musicale, e nell’organizzazione di eventi culturali. 

Completano il quadro una comprovata esperienza manageriale relativa all’organizzazione e gestione di risorse umane, economico-finanziarie e strumentali, familiarità con utilizzo delle tecnologie multimediali in ambito museale, esperienza nell’ideazione e implementazione di progetti di comunicazione e fund raising, esperienza nella predisposizione ed attuazione di accordi di collaborazione con soggetti pubblici e privati, conoscenza, scritta e parlata, della lingua italiana ed inglese. Le candidature devono essere presentate ed inviate entro le 11 di venerdì 8 giugno, attraverso il link del sito Praxi, www.executive.praxi/M9-Museodelnovecento.

I vincitori

I candidati ammessi alla selezione saranno valutati secondo i seguenti criteri: i titoli posseduti, l’esperienza professionale maturata in Italia e/o all’estero e ulteriore competenze come la conoscenza del patrimonio culturale italiano e dell’organizzazione del sistema amministrativo italiano. Praxi effettuerà il primo esame delle candidature inviate su base documentale, e la selezione si concluderà entro il 30 giugno, ma potrà, se necessario, essere prorogata. Il processo di selezione, inoltre, non costituisce per la Fondazione di Venezia un obbligo ad affidare l’incarico, ma l’ente può riservarsi la facoltà di non dare corso alla copertura della posizione in assenza di candidati ritenuti in possesso delle caratteristiche ricercate, ovvero di prorogare, sospendere, modificare o revocare, in qualsiasi momento, e a suo insindacabile giudizio, la presente procedura di selezione.

“L’avviso - commenta il presidente della Fondazione di Venezia, Giampiero Brunello – esprime la volontà della Fondazione di Venezia di individuare un profilo dall’alto livello professionale per il ruolo di Direttore di M9. Una figura d’eccellenza idonea a guidare un Museo che vuole diventare un punto di riferimento a livello nazionale ed internazionale per contenuti, innovazione e capacità di essere un modello di sviluppo della città e dell’intera area metropolitana”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Visite ad amici o parenti in casa: le regole per il Veneto da sabato

  • Visite in casa a parenti e amici: le regole per il Veneto a partire da domani

  • Come cambia da domani il Veneto: regole, restrizioni e cosa si può fare

  • Chiude la Coop alla Nave de Vero. Al suo posto potrebbe arrivare Primark

  • Col nuovo Dpcm, dal 16 gennaio il Veneto rimarrà (quasi sicuramente) in area arancione

  • Dpcm, quando serve l'autocertificazione in Veneto: il modello ufficiale da scaricare

Torna su
VeneziaToday è in caricamento