menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Collassa per un malore in stazione: il primo allarme è di un portabagagli abusivo

E' successo verso le 16 di mercoledì. Un 59enne abruzzese è andato in arresto cardiocircolatorio nel sottopasso. E' stato salvato dall'intervento di Polfer e Suem 118

Tra i primi a lanciare l'allarme chiedendo i soccorsi è stato uno dei portabagagli abusivi di origini romene che a quasi ogni ora del giorno affollano la stazione ferroviaria di Mestre chiedendo soldi ai turisti per il "servizio". Stavolta ha capito che la situazione era talmente grave che era meglio rivolgersi alle forze dell'ordine piuttosto che girarci alla larga. E' stato grazie anche a questo se un cittadino abruzzese di 59 anni non è deceduto nel sottopasso ferroviario di Mestre. Davanti alle decine di persone che camminavano per raggiungere i binari e che hanno chiesto l'intervento del 118. 

Il viaggiatore è stato colto da un probabile attacco cardiaco ed è collassato a terra verso le 16 di mercoledì. Sul posto sono intervenuti gli agenti della locale sezione della polfer, muniti del defibrillatore in loro dotazione. I primi uomini in divisa accorsi si sono accorti di una cicatrice all'altezza dello sterno dell'uomo, segno di una probabile operazione recente al cuore. Hanno chiesto l'aiuto di ulteriori colleghi, che hanno portato sul posto il defibrillatore in dotazione agli uffici della polizia ferroviaria. Il 59enne all'inizio non rispondeva agli stimoli e non respirava.  

Gli agenti hanno prestato le prime cura, praticando le prime manovre rianimatorie. Sia manuali, sia con il defibrillatore. Dopodiché la palla è passata al personale sanitario, giunto in stazione poco dopo con ambulanza e automedica. Il paziente, poi, è stato trasportato all'ospedale dell'Angelo di Mestre. Alle 18.30 veniva descritto come "sveglio e vigile".  

Poco dopo, alle 16:30, gli agenti sono intervenuti di nuovo su segnalazione di un viaggiatore. Un ragazzo si trovava a terra privo di sensi. Anche in questo caso gli uomini in divisa hanno praticato il primo soccorso, in attesa dell'arrivo del Suem. Il giovane è stato trasportato in ospedale alle prese con un arresto cardiocircolatorio.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento