rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Mestre Mestre Centro / Piazzale Generale Enrico Cialdini

Gli studenti manifestano: «Ammassati nei mezzi pubblici, si aumentino le corse»

L'iniziativa del Coordinamento Studenti Medi Venezia - Mestre. Per i ragazzi, mantenere le distante in autobus è pressochè impossibile

«Dall'inizio della scuola viviamo una situazione allucinante. Se già sono tanti i problemi dentro gli istituti, tra mancanza di professori e aule fredde, al di fuori non migliora di certo. Crediamo sia un problema evidente la condizione in cui noi studenti ci troviamo a prendere i mezzi tutti i giorni. A scuola dobbiamo seguire una serie di norme per tutelare la salute di tutti e tutte ma, appena usciamo dai cancelli e saliamo sui trasporti pubblici, queste norme sembrano non valere più: il distanziamento fisico non è proprio possibile in quegli autobus strapieni». Sono le parole dei rappresentanti del Coordinamento Studenti Medi Venezia - Mestre, che oggi pomeriggio hanno manifestato in piazzale Cialdini a Mestre per sollevare il problema che in questo periodo di emergenza riguarda i trasporti pubblici.

Una questione che riguarda tutta Italia, e per la quale sono già state sollevate polemiche nelle scorse settimane. «L'unica soluzione reale per risolvere la situazione è aumentare le corse, incrementando il servizio di trasporto - hanno detto gli studenti -. Non possiamo accettare che le istituzioni propongano le lezioni da casa come modo di alleggerire i trasporti pubblici. In tutti questi mesi di emergenza in cui più volte è emerso il problema, Comune e Regione non hanno mosso un dito. Servono più finanziamenti e in fretta. Vogliamo un trasporto pubblico efficiente, sicuro, ecosostenibile e accessibile a tutti e a tutte».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli studenti manifestano: «Ammassati nei mezzi pubblici, si aumentino le corse»

VeneziaToday è in caricamento