MestreToday

«Lottare contro il razzismo non opzione ma dovere»: Studenti Medi in piazza

Coordinamento Venezia-Mestre in marcia dopo la morte di Floyd a Minneapolis e a seguito delle manifestazioni di protesta contro l'abuso di potere degli agenti

Marcia a Mestre Coordinamento studenti Medi sabato

La marcia del Coordinamento studenti Medi è in strada a Mestre stasera, sabato 6 giugno. Il cuore negli Stati Uniti, a 10 giorni dalla morte di George Floyd a Minneapolis. Arrestato dalla polizia il cittadino ha perso la vita dopo l'arrivo all'ospedale. Le dibattute immagini dell'agente che lo teneva fermo a terra premendogli il collo col ginocchio, per oltre 8 minuti, mentre lui diceva di non riuscire a respirare, hanno causato reazioni di protesta a catena contro la polizia, accusata di abuso di potere e razzismo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cucchi e Adrovandi

In più di mille hanno attraversare le strade della città, a Venezia. Hanno unito la voce in un unico forte grido: «No justice, no peace». La mobilitazione per dire che, «lottare non è più un'opzione, ma è un dovere. Un dovere di fronte al razzismo, ai fascismi, alle destre xenofobe. Lo vediamo dall’America all’Italia. Pensiamo a Cucchi ed Aldrovandi, ai tanti ed alle tante che subiscono l’oppressione di uno Stato discriminatorio e razzista. Le rivolte dei ribelli americani ce lo stanno insegnando: bisogna mobilitarsi per cambiare, bisogna farlo ora e insieme, partendo dalle scuole, dai collettivi. È il tempo della rivolta».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento