menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ladri scatenati prima delle Feste di Natale: una marea di furti tra Chirignago e la Gazzera

Dal tardo pomeriggio di mercoledì almeno cinque segnalazioni alla questura di razzie, riuscite o solo tentate. Rubati a più riprese gioielli e contanti. Intrusioni velocissime

Una marea di furti in abitazione mercoledì. Tentati o riusciti. Non solo nel Miranese, dove si sono registrati almeno 5 tentativi di razzie tra Scorzè, Mirano e Spinea (DETTAGLI), ma anche tra Chirignago, Asseggiano e la Gazzera, o comunque nelle zone che gravitano nel tratto mestrino di via Miranese. Il periodo pre-natalizio è risaputo che è il più insidioso per quanto riguarda i topi d'appartamento, in grado di intrufolarsi negli obiettivi e, nel giro di pochi minuti, mettere a soqquadro tutto scappando con il bottino.

Nel tardo pomeriggio di mercoledì sono giunte alla centrale operativa della questura almeno 5 segnalazioni di scorribande di ladri. Una delle prime intrusioni si è verificata in via Cavalieri di Vittorio Veneto a Mestre, dove sulle 16 intrusi hanno forzato una finestra e si sono introdotti in un'abitazione. Hanno rovistato soprattutto in camera da letto, dove si sono impossessati di gioielli per un valore di alcune migliaia di euro. Al ritorno dei proprietari è stato lanciato l'allarme. Ma ormai era troppo tardi. Non è passato molto tempo prima che si registrasse un tentativo di intrusione in via Alfani ad Asseggiano. Malintenzionati erano riusciti a mettere ko un infisso ma la sirena dell'allarme li ha indotti alla fuga. Quando già tutt'attorno era buio.

La zona è stata battuta ancora: più o meno nella stessa fascia oraria, infatti, i predoni si sono intrufolati forzando una porta finestra in un'abitazione di via Calabria, alla Gazzera. Sono però stati disturbati e di conseguenza hanno preferito andarsene prima di avere il tempo di mettere a segno un colpo. Nella vicina via Carnia, invece, verso le 19.30 intrusi sono riusciti a penetrare in un appartamento forzando la finestra della camera da letto.

Il copione è simile rispetto agli altri episodi: stanza messa a soqquadro e fuga con gioielli e contanti. Anche in questo caso il valore del bottino sarebbe di alcune migliaia di euro, sopratto per i preziosi trafugati. Una quinta razzia si è verificata in via Santa Caterina, a Chirignago. Durante la serata sono spariti ori per migliaia di euro. Un bottino che potrebbe rivelarsi ingente. Specie se a perpetrare almeno parte dei furti nella stessa zona sia stata un'unica batteria di ladri.

Colpo a segno infine anche all'interno della gelateria Mivé di via Carducci a Mestre: qui i malviventi si sono introdotti forzando la porta d'ingresso, poi si sono concentrati sul registratore di cassa. L'hanno portato nel retrobottega e l'hanno aperto con la forza, ricavandone un centinaio di euro. A completare il bottino due iPod che si trovavano all'interno della gelateria e alcune monete ricavate scassinando un distributore di palline. I titolari si sono resi conto dell'accaduto soltanto la mattina.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento