menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Resta incinta a 13 anni, condanna per un 27enne che vive a Mestre

I due avrebbero avuto ripetuti rapporti sessuali, lei ha meno di 14 anni quindi per la legge è reato. Era fuggita di casa per vivere con lui

Ripetuti rapporti sessuali con una ragazzina di 13 anni: è questa la grave accusa che grava su un 27enne sinti residente a Mestre. La storia è molto delicata perché la ragazzina con lui non solo è andata a letto, ma è pure andata a convivere rimanendo incinta. Come riportano i quotidiani locali, la questione è stata portata a galla dai Servizi Sociali e l’indagine delle forze dell’ordine è scattata d’ufficio. L’accusa? Atti sessuali con una minore di 14 anni.

Mercoledì è comparso davanti al giudice per l’udienza preliminare di Venezia. Il rapporto sessuale con un minore di 14 anni è considerato reato e per questo motivo il pubblico ministero ha chiesto la condanna dell’uomo. Secondo i legali dell’imputato il 27enne ignorava la reale età della ragazzina, ma per il giudice si tratta di una tesi che non sta in piedi. Il 27enne è stato condannato a 2 anni, 2 mesi e 20 giorni di reclusione. Il minimo della pena, ma che comunque apre le porte del carcere. I legali hanno già annunciato il ricorso in appello.

La storia è iniziata nell’estate del 2012 quando la ragazzina è scappata di casa per andare a vivere con quell’uomo di cui probabilmente si era invaghita. La ragazzina è rimasta incinta a novembre, la denuncia è scattata d’ufficio. La ragazza è stata affidata ad una comunità, il 27enne insiste per poterla vedere e per sapere se alla il bambino è nato o se si è deciso per l’aborto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento