menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Non ce l'ha fatta: è morto l'anziano investito in bici in viale Don Sturzo

Silvano Prandin, 85enne residente a Favaro Veneto, aveva battuto la testa sull'asfalto perdendo i sensi. Il suo decesso constatato martedì

Il quadro clinico era ampiamente compromesso. Purtroppo non ce l'ha fatta Silvano Prandin, l'85enne residente in via Forte Cosenz a Favaro Veneto investito domenica scorsa da un'auto mentre stava percorrendo viale Don Sturzo a Mestre in sella alla sua bicicletta. Le sue condizioni fin da subito si sono dimostrate critiche, tanto che i sanitari del 118 nel momento in cui sono intervenuti per i primi soccorsi hanno dovuto intubare l'anziano, privo di conoscenza a causa di un pesante trauma cranico che poi si sarebbe rivelato fatale.

L'incidente verso le 12.30, quando G.Z., 78enne mestrino, ha impattato con la propria Opel Meriva contro lo sfortunato ciclista. Entrambi stavano procedendo nella stessa direzione di marcia. A causa dell'incidente, però, l'85enne è rovinato sull'asfalto, battendo il capo. Lunedì, il giorno seguente al suo ricovero in terapia intensiva all'ospedale dell'Angelo, le sue condizioni sono ulteriormente peggiorate a causa di una emorragia subdurale, conseguenza del trauma cranico. Le sue condizioni erano sempre più compromesse. Dopodiché, purtroppo, martedì è stato constatato il decesso. Sul posto, non lontano dall'incrocio di via Vallon, per i rilievi erano intervenuti gli agenti del reparto motorizzato della polizia municipale, che hanno raccolto la testimonianza dell'anziano al volante. Purtroppo tutto si è concluso in tragedia. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento