menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
In verde il nuovo tratto a cura del Comune, in blu quello di Rfi

In verde il nuovo tratto a cura del Comune, in blu quello di Rfi

Un nuovo tratto di pista ciclabile collegherà via Torino alla stazione di Porto Marghera

Completerà il percorso tra Mestre e Venezia. Si svilupperà lungo via Ticozzi e via Paganello, in parte realizzata dal Comune e in parte da Rfi. Lavori la prossima estate

La rete ciclabile di Mestre si svilupperà ulteriormente con un tratto che ancora manca lungo il percorso tra la terraferma e la città storica di Venezia. Il progetto è stato approvato dalla giunta comunale: prevede la realizzazione di una pista ciclopedonale che da via Torino (fronte campus Ca' Foscari) si svilupperà lungo via Ticozzi e, al termine della strada, si collegherà con un altro tratto di ciclopedonale su via Paganello di cui si sta occupando invece Rfi (Rete ferroviaria italiana). In questo modo raggiungerà il nuovo sottopasso ferroviario della stazione di Porto Marghera.

Nuovo sottopasso alla stazione

L'investimento a carico del Comune è di 277mila euro, finanziato grazie ai fondi Pon Metro. L'opera, spiega l'assessore Renato Boraso, «andrà a riqualificare una strada di quartiere e, soprattutto, consentirà di realizzare quel collegamento funzionale in grado di portare in sicurezza pedoni e ciclisti dalla stazione ferroviaria al polo universitario e viceversa». Attualmente il collegamento tra Mestre e Venezia è garantito da un sottopasso pedonale (adattato provvisoriamente al passaggio con bici a mano) che, secondo il progetto di Rfi, andrà demolito e sostituito da un nuovo sottopasso a norma. Il progetto approvato dalla giunta dovrebbe rispettare le alberature esistenti e non interferire con la rete di smaltimento delle acque bianche.

Lavori nell'estate 2021

Il tratto di pista ciclabile da realizzare ha una lunghezza di circa 330 metri e larghezza media di 2,50 metri sul lato nord di via Ticozzi, separata dalla strada da un’aiuola verde larga 180 centimetri che conterrà una parte del nuovo filare alberato. Contemporaneamente si procederà con la riqualificazione dell'intera carreggiata, con ripavimentazione anche dei marciapiedi, nuova illuminazione e la formazione di nuove aiuole con posa di 27 nuovi alberi ad alto fusto e stalli per la sosta auto. L’approvazione del progetto esecutivo è programmata per febbraio 2021, poi ci sarà la gara e infine, verso giugno 2021, partiranno i lavori, che dovrebbero durare quattro mesi.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    L'annuncio di Zaia: «È ufficiale, il Veneto da lunedì in zona arancione»

  • Politica

    Affidato all'Europa il salvataggio delle dune degli Alberoni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento