menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Corsa alle camere a San Giuliano, presto altri due alberghi di lusso

Continuano gli investimenti nel settore turistico a Mestre, oltre a via Orlanda nel mirino dei magnati degli hotel c'è anche la zona della stazione

Continua la corsa edilizia a San Giuliano. Alle porte di Venezia, ad appena dieci minuti di autobus da piazzale Roma, costruttori e catene alberghiere sembrano aver capito quello che lo storico hotel Russott (al secolo “Ramada”, come ancora si legge sulla facciata) aveva intuito già diversi anni fa: se i costi di una notte in centro storico sono così proibitivi, perché non offrire ai turisti un'alternativa pratica e (relativamente) economica?

DA HILTON IN POI – Proprio di fronte al Russott da qualche anno si staglia l'Hilton Garden Inn, con la sua piscina a vista, il primo nuovo albergo ad aver tentato la fortuna lungo la direttrice per Venezia. A breve, però, saranno altri due gli hotel di lusso che si contenderanno la scena tra via Martiri e il parco: un mega albergo a 4 stelle e un centinaio di camere che sorgerà al posto del Primavera e che sarà firmato dallo studio degli architetti Mocci e Zanetti, che proprio in queste ore attendono il via libera dal Comune, e il nuovo progetto dell'architetto Gianni Caprioglio, anch'esso a quattro stelle, per ben 15 piani di lusso, proprio al fianco del nuovo colosso Mocci-Zanetti.

NON SOLO PARCO – Ma la corsa alle camere non si ferma certo in via Orlanda. Alla stazione di Mestre sta infatti per arrivare un palazzo da 200 suite a marchio H10, nota catena iberica, che sorgerà in piazzale Favretti e che costerà all'incirca 25 milioni di euro, migliaio più, migliaio meno. Insomma si continua a investire nella terraferma, unica alternativa a un mercato alberghiero che nel centro storico tocca i prezzi più alti d'Italia (e spesso di tutta Europa). E in futuro le cose non sono destinate a cambiare: con i suoi 25mila viaggiatori al giorno, Mestre rappresenta uno snodo fondamentale nel sistema ferroviario del Veneto. E per dormirci non serve pagare la tredicesima, come invece succede tra le calli della città lagunare. Così, oltre agli spagnoli, sono già altre due le catene che vorrebbero costruire ne pressi della stazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento