menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il progetto del mercato coperto

Il progetto del mercato coperto

"Mercato coperto vicino al centro", il progetto per rivitalizzare Mestre

Presentato martedì lo studio di pre-fattibilità per un market indoor di tre piani a ridosso di piazzale Cialdini: "Simbolo della rinascita della città"

La città che cambia guardando a ciò che sempre nel passato ha costituito la chiave per rivitalizzare e rigenerare un tessuto urbano. A Mestre nei prossimi anni potrebbe sorgere un mercato coperto a due passi dal centro. Una grande struttura con tutti i crismi per agevolare l'accessibilità e il traffico "leggero" cittadino. Quindi pedoni, ciclisti e mezzi pubblici.

Martedì il progetto è stato presentato a Bratislava, in Slovacchia, nell'ambito della conferenza finale del progetto europeo "Central Markets", di cui il Comune di Venezia è coordinatore. Gli specialisti di Ca' Farsetti hanno ricevuto 250mila euro per realizzare uno studio socio-economico sul ruolo dei mercati coperti e un progetto di pre-fattibilità per un market indoor a Mestre. Condotto dal Servizio politiche comunitarie e dalla Direzione commercio e attività produttive, il progetto ha visto la partecipazione di altri 8 partner da sei Paesi diversi dell'Europa centrale, tra i quali importanti città come Torino, Cracovia e Bratislava.

"Il nuovo edificio dovrà simboleggiare il rinnovamento urbano mestrino - si legge nella presentazione del progetto - lasciando un segno architettonico riconoscibile, in grado di intervenire nel riordino di un'area degradata del centro, inducendo i consumatori a non privilegiare i grandi centri commerciali in periferia". Ma dove si situerà il mercato? "L'area individuata dalla pubblica amministrazione è costituita da un lotto di impronta triangolare, su cui attualmente sorge un parcheggio a pagamento, a est di piazza Ferretto e a ridosso di Piazzale Cialdini - dichiara il report - Il lotto presenta limiti fisici ben delineati (via Lazzari a sud, il Marzenego a nord, la nuova stazione a est). L’edificabilità all’interno del sedime è limitata dalla fascia di rispetto fluviale di dieci metri, all’interno della quale il comune prevede di realizzare una pista ciclopedonale di collegamento tra piazza Barche e via Pio X".

Secondo i tecnici questa struttura dovrà poter contare su spazi flessibili, in grado di accogliere eventi culturali e di intrattenimento, mostre e incontri. Ciò naturalmente dovrà andare con una flessibilità degli orari di apertura e chiusura, messa in relazione con la futura trasformazione dell'area dove insiste ora il mercato in parco urbano in pieno centro città. "Grazie alla costruzione del nuovo edificio e alla riqualificazione dell’area compresa dai due rami del fiume, sarà possibile completare il percorso di riscoperta del fiume Marzenego avviato di recente con la riqualificazione di via Poerio e Riviera XX settembre", si dichiara nel report, all'interno del quale sono state illustrate sei alternative architettoniche. Tutte accomunate dal fatto di avere un piano interrato e due scoperti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento