menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Picchiato con una stampella e rapinato", lo trovano ferito e sanguinante in strada

L'aggressione martedì sera in via Degan a Mestre, in strada. In 3 contro 1. Un 50enne tunisino ferito alla gola, con un dito fratturato e diversi tagli. Rubato il portafoglio

L'attenzione dei residenti è stata attirata da quelle urla e da quei rumori che non lasciavano presagire nulla di buono. Rapina nella serata di martedì, su cui la polizia sta comunque tentando di far luce. Perché per ora si ha la versione dei fatti della presunta parte offesa, un 50enne di nazionalità tunisina che ha riportato diverse ferite: un dito rotto, un taglio alla gola, numerosi ematomi.

L'aggressione (o la rissa) è stata violenta e improvvisa. Non certo in un luogo isolato, visto che le quattro persone segnalate mentre se le davano di santa ragione si trovavano in via Degan, una laterale di via Piave. A due passi dal centro mestrino. Chi ha allertato la questura, un ristoratore, ha parlato di calci e pugni, e soprattutto di quella ferita sanguinante alla gola di uno dei quattro contendenti. Sul posto si sono subito portate le volanti della questura, ma gli aggressori avevano già capito in precedenza che era meglio tagliare la corda. Così, una volta che le pattuglie hanno raggiunto via Degan, nel luogo della zuffa non c'era più nessuno.

Poco più in là, in via Carducci, è stata però individuata una persona ferita. Inevitabile ricollegarla a quanto era accaduto poco prima. Si tratta di un 50enne tunisino, che portava sul corpo i segni di diverse ferite da arma da taglio. Secondo il suo racconto sarebbe stato bloccato dagli altri tre individui, descritti dai testimoni come tutti di colore, per poi essere colpito in testa con una stampella. Poi sarebbe spuntato anche un coltellino svizzero, a cui si devono gli altri traumi. Calci, pugni, tagli e quella stampella come corpo contundente. La vittima sarebbe stata rapinata del portafoglio con all'interno 700 euro, dopodiché i tre aggressori sarebbero fuggiti facendo perdere le proprie tracce nelle vicinanze. Durante i controlli in zona gli agenti hanno recuperato sia la stampella, lasciata a terra, sia il coltellino svizzero. Il feirto è stato trasportato al pronto soccorso per le cure del caso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento