menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il rapinatore di cuore: "Sono Robin Hood, i soldi li divido con i presenti"

Un 64enne trevigiano venerdì pomeriggio è entrato nella filiale Carige di via Forte Marghera: "Voglio settemila euro, li darò anche agli altri"

"Sono Robin Hood, datemi i soldi". Mancavano solo la calzamaglia e l'arco e coloro che si trovavano nella filiale Carige di via Forte Marghera a Mestre venerdì pomeriggio avrebbero pure potuto pensare di essere catapultati in un film della Disney. Invece la realtà era un'altra: quella era una rapina. O meglio, un tentato assalto da parte di chi, però, non deve aver instillato molta paura tra gli addetti allo sportello della banca. Tant'è vero che la responsabile quando ha allertato il 113 ha parlato di un intruso dal comportamento piuttosto "squilibrato". Forse si trattava di una rapina. Forse.

In verità per il protagonista della vicenda, che poi si scoprirà essere un 64enne del Trevigiano, quello doveva essere un modo per rubare ai ricchi (le banche) per dare ai poveri (i correntisti). Un eroe dei poveri, insomma. Il suo piano era piuttosto pretenzioso, a suo modo lodevole: "Datemi 7mila euro e li dividerò anche con tutti i presenti", questo ha dichiarato non appena entrato, declinando le sue generalità: "Sono Robin Hood". Al posto dell'arco, però, il 64enne aveva deciso di rimanere al passo con i tempi. Nelle tasche i poliziotti intervenuti sul posto hanno trovato una pistola scacciacani senza tappo rosso caricata con quattro cartucce a salve, un taglierino e dello spray urticante. Dunque, visto che "Robin Hood" non sembrava essere propriamente in sé, la situazione avrebbe potuto prendere una piega piuttosto pericolosa durante l'intrusione.

L'allarme alla questura è arrivato alle 16.15 e la responsabile ha parlato di un uomo alto circa 170 centrimetri tra i 65 e 70 anni. Il malintenzionato è stato individuato poco distante mentre si stava allondando, per poi essere bloccato e portato negli uffici del commissariato di Mestre. Al termine degli accertamenti è stato denunciato per tentata rapina, porto d'armi e di oggetti atti a offendere. L'uomo aveva già precedenti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento