menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Razzie in serie su auto: in poche ore spariscono valige, iPad e abiti

Gli ultimi episodi di una lunga serie in via Poerio e via Circonvallazione a Mestre domenica. Razziati un furgone e un'auto di professionisti

Non passa giorno in cui, specie in alcune aree nevralgiche della città, non vengano messi a segno colpi a bordo delle auto in sosta. Una piaga difficile da arginare, anche perché per perpetrare una razzia all'interno di un abitacolo ci vogliono veramente pochi istanti. A "cadere" stavolta sono stati nel giro di poche ore, in pieno centro a Mestre, un furgone e un'auto di due professionisti ripuliti di quanto avevano con sé.

Il conducente di un furgone, per esempio, verso le 16.50 di domenica ha chiamato le forze dell'ordine dopo aver parcheggiato per pochi istanti il veicolo in via Poerio, all'altezza dell'agenzia IngDirect. Qualche malintenzionato deve avere assistito alla manovra, decidendo di entrare in azione. In poco tempo, dunque, ha mandato in frantumi il finestrino e ha insinuato la mano tra i sedili. Il ladro si è quindi impossessato di un iPad, di alcune chiavette Usb e di una giacca, per poi sparire nel nulla.

Al derubato non è rimasto altro che allertare le forze dell'ordine, al pari di un professionista che invece è stato ripulito in via Circonvallazione. Identico destino: l'uomo, infatti, aveva in auto una serie di attrezzi per l'apertura delle porte. A un certo punto, però, quando è tornato al suo mezzo qualcuno gli aveva distrutto il finestrino portandosi via una valigetta, sparendo poi nel nulla.  Questi sono solo gli ultimi episodi di una lunga serie tra Mestre e Marghera: il più delle volte si tratta di razzie dal bottino molto esiguo, ma che si lasciano alle spalle danni piuttosto ingenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento