menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto twitter

Foto twitter

Renzi a Mestre, appello di Casson: "Venezia è unica, via le grandi navi"

Intervento del premier alle 9.30, prima di spostarsi al padiglione Aquae. "La partita di Casson è complicata, ma può essere chiusa presto e bene"

Stavolta ce l'ha fatta, il premier Matteo Renzi: puntualmente domenica si è presentato al teatro Toniolo di Mestre, dove alle 9.30 ha incontrato Felice Casson e Alessandra Moretti per sostenerli nella corsa elettorale davanti al pubblico di "casa". Renzi non ha perso occasione per elogiare il "modello veneto", anche in riferimento alla politica: "Solo qui il Pd è rimasto unito", ha spiegato affiancato dai due esponenti del centro-sinistra, rispettivamente candidati alla guida del Comune di Venezia e della Regione Veneto. Sul palco anche Roger De Menech, segretario regionale del Pd.

"Venezia dà le vertigini, ma non deve essere solo un set - ha fatto presente il premier - L'anima della città siete voi cittadini, e non potete lasciarvela strappare. Sostenete il sindaco Casson: la sua è una grande sfida, una partita complicata ma che può essere chiusa presto e bene". "A Venezia cambiamo perché abbiamo fallito. Quando sbagliamo siamo capaci di dirlo e di ripartire, quell'esperienza andava chiusa: ora ripartiamo con Casson, con legalità, trasparenza, fiducia per il futuro". Poi, parlando di giustizia: "Abbiamo lavorato perché le regole contro la corruzione fossero più dure. Il Pd ha reintrodotto il falso in bilancio e l'autoriciclaggio, chiede rispetto per leggi e regole. Ma abbiamo anche introdotto la responsabilità civile e cambiato la custodia cautelare".

Più di qualcuno poi non si è lasciato sfuggire l'occasione per portare all'attenzione del presidente del Consiglio alcuni temi molto concreti: ci hanno pensato i "No grandi navi", che gli hanno consegnato le migliaia di firme raccolte per la loro causa, ma l'ha ribadito dal palco lo stesso Casson: "Nessuno al mondo vuole le grandi navi davanti a San Marco".

Il candidato sindaco di Venezia ha poi chiesto al premier di "riconoscere l'unicità di Venezia, per la storia che merita, e di trovare strade per i prossimi decenni". Ora si entra nel pieno della campagna elettorale: per Casson il principale sfidante è Luigi Brugnaro, mentre la Moretti dovrà vedersela con l'attuale governatore Luca Zaia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento