MestreToday

Renzi a Mestre e Marghera: "Riqualificazione edilizia per ripartire, qui un grande esempio"

Il segretario Pd accolto dai simpatizzanti in stazione, poi l'incontro alla Cittadella dell'Edilizia con i leader di Ance e Confindustria. Faccia a faccia con i lavoratori della Mantovani

Approda a Mestre in treno, l'ex premier e attuale segretario del Pd Matteo Renzi. In tour nel Veneto, ha viaggiato con una delegazione del partito, tra cui le parlamentari Casellato, Puppato e Rubinato, giungendo alla stazione della terraferma veneziana verso le 10.30. È stato accolto da una sessantina di simpatizzanti che lo attendevano alla banchina, bandiere in mano. Una donna, mentre Renzi si lasciava andare a strette di mano e selfie, ha iniziato a candare "bandiera rossa" esclamando: "Siamo noi il vero Pd", subito zittita dai presenti. I tentativi dei cronisti di porre domande al leader Dem su autonomia, grandi navi e gioco delle alleanze in vista delle elezioni sono caduti a vuoto. L'intenzione è di parlare solo con i cittadini e gli amministratori del territorio Pd: "Quando abbiamo concepito questo viaggio l'abbiamo fatto perché vogliamo ascoltare", ha spiegato in un secondo momento Renzi, che si è fermato a colloquiare nelle poche ore in territorio lagunare con pensionati, lavoratori e sindaci, non ultimo quello di Mira.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'Italia è ripartita"

L'ex premier una volta salito in auto ha raggiunto la Cittadella dell'Edilizia di via Banchina dell'Azoto a Marghera. "Abbiamo deciso di venire qui perché il tema dell'edilizia è il tema del nostro Paese - ha affermato - Sulla tappa veneziana c'è subito chi aveva pensato a un bell'evento sulla cultura, abbiamo deciso diversamente. L'investimento nell'edilizia - ha continuato - non serve solo a far ripartire il Pil, ma anche a riqualificare le periferie. L'Italia è ripartita, il Pil è migliorato e aumenterà di quasi il 2 per cento. La percentuale sarà più vicina al 2 che all'1 per cento. Si è cambiato il trend senza il settore dell'Edilizia, pensate quindi a quanto straordinaria è questa occasione". Uno sguardo alla sala e dal generale si finisce al particolare. Agli stabilimenti che circondano la cittadella di via Banchina dell'Azoto: "Pensate a tutta l'operazione di riqualificazione edilizia di cui Porto Marghera è un emblema straordinario - ha aggiunto Renzi - E' situata davanti a un luogo significativamente suggestivo come Venezia, pensate cos'è una struttura come questa in termini di potenzialità. Bisogna far sì che finalmente dalle parole si passi ai fatti. Chi racconta che l'Italia è in crisi non si rende conto delle possibilità che l'edilizia darà. Se noi non ci piangiamo addosso questo paese ce la può fare. Questo paese non può essere lasciato in mano a chi sa dire solo di no. Ora la legge di bilancio non potrà avere chissà che cosa, ma nella prossima legilstratura si va in Europa e si trovano dai 30 ai 50 miliardi con l'operazione 'Back to Maastricht'. Così si abbassano le tasse e si semplificano le norme".

WhatsApp Image 2017-11-09 at 10.18.27-2

Cavallin: "Rompere i vincoli"

"La Cittadella dell'Edilizia è simbolo di utilizzo delle tecnologie più innovative - ha dichiarato in apertura dell'incontro Ugo Cavallin, presidente Ance (associazione nazionale costruttori edili) Venezia - L'elemento energetico è il cardine, un modello di scelte lungimiranti e coordinate. L'edilizia è il settore trainante della ripresa per il prossimo decennio. Su questo settore occorre investire. Non basta stanziare i fondi di rilancio, serve agire sui numerosi passaggi e vincoli delle norme pubbliche. Norme fondate sul sospetto che le imprese possano essere il centro di malaffare. Bisogna rompere questi vincoli". Insomma, i costruttori chiedono meno lacci e lacciuoli: "Bisogna stare attenti, però - ha ribattuto Renzi - perché c'è chi se n'è approfittato".

Marinese: "Mettete la palla in campo e lasciateci giocare"

Vincenzo Marinese, neo presidente di Confindustria Venezia: "Questo territorio ha un tessuto produttivo forte, 26 miliardi di euro di fatturato. Non c'è solo Porto Marghera. C'è la bioraffineria, vogliamo che ci siano i presupposti per la chimica verde. Chiediamo alcune cose: concludere la cinturazione, manca il 10%. Non vogliamo che in futuro porto Marghera sia un problema, vogliamo che diventi strategica. Il secondo elemento è lo snellimento della burocrazia: al momento servono anni per un'approvazione edilizia. E' inconcepibile. Terzo: la politica deve mettere in condizione i soggetti di fare qualcosa, serve la zona franca. Come industriali vi chiediamo di mettere la palla in campo e di farci giocare, con l'ottimismo di chi crede nelle proprie capacità e nell'inventiva". Sulla zona a economia speciale (la "Zes") le categorie sono in pressing oramai da tempo, poiché per ora sono spuntate solo nel Meridione: "Questa non è una questione che si risolve con un emendamento parlamentare - ha risposto Renzi - le risorse le abbiamo messe sul settore. Ci sono stati 9 miliardi sul dissesto idrogeologico, 2 miliardi sulle periferie. Bisogna anche cambiare l'approccio in alcuni delle soprintendenze. Lavorano bene ma a volte distruggere e ricostruire lasciando spazio all'innovazione è meglio che lanciarsi in restauri conservativi. Però - si è rivolto a costruttori e industriali - serve che ci diate una mano. Perché la cultura della lamentazione a volte esce dai confini della politica".

"Lavoratori Mantovani non saranno dimenticati"

Presente anche una delegazione dei dipendenti Mantovani, azienda legata alla realizzazione del Mose: circa 200 i lavoratori che rischiano il licenziamento dopo il "nulla di fatto" di mercoledì al ministero a Roma. "Se non si sblocca la situazione del Mose rischiamo di perdere il lavoro - ha ricordato un rappresentante - E se si blocca un'opera il rischio non è solo per i lavoratori della Mantovani, ma anche per molti altri". È seguito un colloquio a margine con Renzi, che ha assicurato che i lavoratori "non saranno dimenticati"

Il sindaco Dori: "Risorse anche per Mira"

Il territorio di Mira rientra a pieno merito nel grande progetto di sviluppo della terraferma previsto per i prossimi anni, compreso lo scalo per le grandi navi. E' la tesi del sindaco Marco Dori: "La laguna non è solo Chioggia e Venezia - ha spiegato - Il nuovo tracciato delle navi lambirà il nostro comune: ci sono fenomeno di erosioni, partite importanti sullo sviluppo della portualità. Noi vogliamo esserci e chiediamo anche una riconsiderazione della Legge speciale". Il territorio mirese, infatti, è l'unico a non aver potuto contare su risorse aggiuntive dopo il Comitatone: "Questo è nei meccanismi nella legge, chiediamo che venga rivisitata senza danneggiare altri. Le questioni ambientali non hanno più confini geografici", ha concluso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Visite ad amici o parenti in casa: le regole per il Veneto da sabato

  • Cav: due anni di canone Telepass gratuito per i residenti di Venezia, Treviso e Padova

  • Chiude la Coop alla Nave de Vero. Al suo posto potrebbe arrivare Primark

  • Col nuovo Dpcm, dal 16 gennaio il Veneto rimarrà (quasi sicuramente) in area arancione

  • Bozza del nuovo Dpcm: stretta sui bar, punto su visite e scuola

  • Zaia conferma: «Il Veneto sarà in area arancione»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento