MestreToday

Carta d'identità falsa per ottenere la residenza: arrestata una 35enne

Fermata dalla polizia locale all'Anagrafe di Mestre. Era già riuscita ad ottenere residenza a Martellago nel 2018 con la stessa tecnica

Una cittadina ucraina di 35 anni è stata arrestata questa mattina all'ufficio Anagrafe di Mestre dal Nucleo investigazioni scientifiche della polizia locale, per aver tentato di ottenere la residenza nel Comune di Venezia presentando una carta d'identità romena falsificata.

Documento falso per ottenere la residenza

La donna, nei giorni scorsi, aveva presentato una domanda in tal senso, ottenendo un appuntamento dagli addetti dell'Anagrafe, che avevano però messo in allarme la polizia locale, che da anni lavora per stroncare questo tipo di pratiche illecite, e che aveva immediatamente aperto un'indagine. Oggi la cittadina straniera si è presentata regolarmente agli sportelli, ma ha trovato ad attenderla gli agenti, che hanno rinvenuto il suo vero passaporto ucraino e le hanno sequestrato la falsa carta d'identità romena, documento che consente di potersi muovere liberamente all'interno dell'Unione Europea.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Arrestata

Le indagini hanno accertato che la donna aveva commesso lo stesso tipo di reato nel 2018, riuscendo in questo caso ad ottenere una iscrizione anagrafica presso il Comune di Martellago, sempre previa esibizione della stessa carta di identità romena falsificata. Per lei è scattata così anche una denuncia a piede libero per questo reato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

  • Crescono i casi di coronavirus, i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Carte false per mantenere in famiglia la licenza di taxi acqueo: denunciati padre e figlia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento