menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'accoltellamento di sabato scorso

L'accoltellamento di sabato scorso

Risse in via Piave, Brugnaro: "Si stanno innervosendo, stiamo togliendo loro spazio"

Il sindaco dopo gli episodi degli ultimi giorni: "Meglio che andiate a delinquere da qualche altra parte". Questore: "L'accoltellato di sabato scorso era ricercato ed è stato arrestato"

Risse, bottigliate, in alcuni casi anche accoltellamenti. Nel quartiere Piave a Mestre si ripetono giorno dopo giorno episodi di violenza che inducono i residenti a chiedere alle forze dell'ordine di arginare una situazione che diventa preoccupante soprattutto dopo il tramonto. Le cronache nelle ultime ore parlano per esempio di una zuffa tra numerosi facinorosi in via Trento martedì. Un cittadino nigeriano è rimasto sfregiato da un coccio di bottiglia. E stato "circondato" dagli agenti delle volanti per gli accertamenti e gli è stata sequestrata una dose di eroina che aveva in bocca. A questo scenario si sono aggiunti anche recent casi di ubriachezza molesta e di degrado.

Accoltellato arrestato

L'episodio più grave sabato scorso, quando un senegalese di 40 anni è stato accoltellato all'addome e ha rischiato la vita. L'uomo è stato identificato dai carabinieri e si è scoperto che era un ricercato, per questo motivo da quel momento si trova in stato d'arresto. Sulla vicenda sono in corso accertamenti da parte dei militari dell'Arma.

"Si stanno innervosendo"

"Ci sono questi episodi perché chi delinque si sta innervosendo - ha commentato giovedì il sindaco Luigi Brugnaro in occasione della conferenza stampa sui risultati di "Mestre sicura" - L'avviso che volevo dare a questa è gente è che è meglio cambiare città. Non conviene delinquere, quantomeno qui". Parole che hanno trovato d'accordo il questore Danilo Gagliardi: "Il primo cittadino dice cose vere - ha sottolineato - l'accoltellato era un ricercato, e quindi è stato arrestato. Certo, è un territorio che fa gola, ma noi siamo pronti. L'amministrazione comunale, poi, sta progettando come rioccupare questi spazi facendoli vivere con corse, fiere ed eventi". Un intervento a tutto tondo sul quartiere: "La rinascita della città deve essere anche dal punto di vista economico, solo così ridiamo ossigeno alla residenzialità - ha concluso il primo cittadino - Stiamo ripartendo. Credo che questo lavoro corale funzionerà". 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Assegno unico figli 250 euro al mese: come ottenerlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento