menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una rissa negli uffici del Comune, feriti anche poliziotti ed infermieri

Lunedì pomeriggio in via Giustizia a Mestre la zuffa tra forze dell'ordine, sanitari e un cittadino straniero, poi denunciato per lesioni a pubblico ufficiale

Dà in escandescenze negli uffici dell'amministrazione e finisce col ferire poliziotti ed infermieri. Erano le 14.45 di lunedì pomeriggio, quando agli agenti del 113 è giunta una richiesta di aiuto da parte degli operatori di un ufficio dal Comune di Venezia in via Giustizia, a Mestre. Sul posto era presente un cittadino tunisino di 25 anni, in evidente stato di agitazione e non intenzionato a calmarsi, nemmeno alla presenza del personale medico sanitario, giunti sul posto subito dopo i poliziotti.

ZUFFA A CINQUE - Vista la mala parata, gli agenti hanno subito provato a mediare la situazione, ma il giovane nordafricano ha mal tollerato l’intervento delle uniformi: anzi, ha iniziato a roteare le braccia tentando di colpire chiunque si avvicinasse. A farne le spese è stato dapprima uno degli infermieri, colpito da una violenta spinta, e subito dopo uno degli agenti della Volante, centrato a sua volta in viso; il poliziotto si è accasciato a terra, mente l’ispettore capopattuglia, intuendo la situazione di pericolo, si è scagliato contro l’esagitato immobilizzandolo a terra dopo una furibonda colluttazione. Prima di essere sedato il giovane è riuscito a colpire anche uno dei medici intervenuti con un calcio a un gomito.

FERITE E DENUNCE - Infine, condotto presso il pronto soccorso dell’ospedale dell’Angelo di Mestre, è stato sottoposto a tutti gli accertamenti psico-fisici del caso. I poliziotti, a loro volta, sono stati visitati e refertati con 15 giorni di prognosi ciascuno per traumi toracico e facciale (per il primo, colpito in viso), mentre l’ispettore che aveva ingaggiato la collutazione per un politrauma alla mano e al ginocchio. Anche i due sanitari hanno riportato lesioni refertate presso lo stesso pronto soccorso. Il giovane tunisino è stato quindi denunciato per i reati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, nonché invitato all’ufficio stranieri della sede di Marghera della questura di Venezia per rendere conto della sua presenza sul territorio nazionale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento