menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rivoluzione sulle strade di Mestre: rimossi e cambiati 300 cartelli inutili

Operazione "pulizia" della Municipale e dei tecnici del Comune su circonvallazioni e incroci. L'assessore ai Trasporti Ugo Bergamo: "Più chiarezza d'informazione per il traffico"

Oltre trecento segnali stradali inutili e quarantotto non corretti: è questo il primo bilancio del lavoro del tavolo tecnico sulla viabilità, avviato dai funzionari dell’assessorato ai Lavori pubblici, Mobilità e Trasporti e dalla polizia municipale per verificare la segnaletica stradale a Mestre. Molti cartelli stradali erano poco visibili e non corretti per tipologia o posizionamento. In trecento, quindi, sono stati rimossi o sostituiti. Questo ciò che emerge da una nota congiunta degli assessorati comunali di competenza e del comando dei vigili, che evidenzia la necessità di una corretta informazione stradale per aumentare il grado di sicurezza nella circolazione. Operazione quantomai necessaria per una realtà, quella di Mestre, particolarmente complessa a causa dei molti cantieri attualmente attivi e del traffico che quotidianamente la percorre.

Tra le strade prese in considerazione, si legge nella nota, via Circonvallazione, via Aleardi, via Piave, via Ca’ Savorgnan, via Pepe, Rione Sabbioni, via Castellana, via Torre Belfredo ecc. “Con l'avvio di questo tavolo tecnico – annota l’assessore comunale ai Trasporti, Ugo Bergamo - abbiamo mantenuto l'impegno preso con la città di svolgere questo importante lavoro di verifica per la razionalizzazione della  segnaletica stradale, al fine di rendere più chiare possibili le indicazione sul comportamento che automobilisti e pedoni devono tenere sulle strade cittadine”.


“La sicurezza dei cittadini è uno dei primi obblighi per un amministratore comunale: finalmente – dichiara l’assessore comunale ai Lavori pubblici, Alessandro Maggioni - con questo tavolo tecnico, siamo riusciti a mettere mano alla segnaletica stradale che abbisognava di una revisione. È un primo passo, indubbiamente, ma che ci fa capire come il percorso iniziato vada nella direzione giusta. Ora si tratta di rendere permanente il tavolo tecnico e di estenderlo a tutta la complessa realtà della terraferma veneziana. Un plauso va in particolare alla Polizia municipale e a quanti hanno convintamente partecipato ai lavori, che sicuramente saranno apprezzati anche da tutti i cittadini che, quotidianamente, percorrono le nostre strade”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il nuovo Dpcm: che cosa cambia fino a Pasqua

  • Politica

    Musei civici, giovedì riapre l'area marciana. Scontro in Commissione

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento