menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto: l'apertura a Mestre in via Garibaldi

Foto: l'apertura a Mestre in via Garibaldi

Roba da leccarsi i baffi: aperta a Mestre una nuova gastronomia di Sale e Pepe

Sul modello di quella avviata a Mirano a settembre: antipasti, primi, secondi piatti di carne e di pesce, contorni e dolci, oltre a una selezione di prodotti delle eccellenze italiane

La gastronomia Sale e Pepe da venerdì è presente anche a Mestre. Inaugurato il punto vendita in viale Garibaldi, con specialità come antipasti, primi, secondi piatti di carne e di pesce, contorni e dolci, prodotti a libero servizio preparati e confezionati da Sale e Pepe (sughi, snack e condimenti), e una selezione di prodotti alimentari delle eccellenze italiane, tra cui pasta, pane, conserve, confetture, olio, biscotti. Un’area dedicata ai vini e alle birre completa l’offerta. Il nuovo punto vendita è ispirato alla gastronomia di Mirano, aperta lo scorso 7 settembre e pienamente operativa.

Qualità e comodità

È il primo di una rete di negozi di alta gastronomia, che unisce l’asporto al servizio di consumo sul posto. I prodotti presenti in negozio sono frutto di un accurato lavoro di ricerca che in questi mesi la divisione Ricerca e Sviluppo dell’azienda ha condotto. Anche le preparazioni gastronomiche sono il risultato di un lavoro che dura ormai da quattro decenni sulle materie prime e sulla loro preparazione, senza dimenticare gli aspetti di conservazione e di rigenerazione delle pietanze, fondamentali per una gastronomia.

Pause e pranzi in centro

La novità del punto vendita mestrino è la presenza di un’area di consumo dove i clienti potranno trascorrere la pausa pranzo, con a disposizione prodotti di gastronomia sempre freschi e sempre diversi. «Crediamo che l’apertura di una nostra gastronomia in questa parte di Mestre possa essere la soluzione per le tante persone che lavorano in zona e desiderano una pausa pranzo all’insegna della buon cibo e della qualità, ma anche per tutti coloro che vivono poco lontano dal centro e passano nelle vicinanze di piazza Ferretto o si muovono con i mezzi pubblici e vogliono portare a casa del cibo pronto stuzzicante e di qualità», è l’opinione di Marco Di Nicola, amministratore delegato del gruppo. Il negozio si trova proprio di fronte alla fermata Actv che collega Mestre con Venezia e a due passi dall’area pedonale di via Palazzo e piazza Ferretto.  

Prossima apertura 

Nel frattempo prosegue il percorso di apertura di nuove gastronomie in franchising con una doppia formula: gastronomia con consumo sul posto o gastronomia standard. La prossima città a ospitare un punto vendita Sale e Pepe sarà Treviso. I punti di forza della rete sono l’esperienza quarantennale di un gruppo leader nel settore della gastronomia e del catering nel Triveneto e la cucina centralizzata nella sede produttiva di Spinea. Questo garantisce qualità del cibo e rispetto delle norme igienico-sanitarie, agevolando coloro che desidereranno aprire un punto vendita targato Sale e Pepe ma non hanno un passato da chef o non intendono impostare una cucina professionale.

Condivisione

A sviluppare la rete commerciale dei negozi in franchising è la neonata Sep Retail. Prosegue anche il consolidamento della nuova brand identity di Sale e Pepe Group inaugurata con il negozio di Mirano. Il nuovo logo, dalla linea grafica essenziale e minimale, allude alla cultura del cibo e all’esperienza del gusto, con il recupero di colori, tratti e materiali naturali e primari. Senza dimenticare l’importanza dell’intervento umano rappresentato in cucina dallo chef. La rete dei punti vendita conferirà nuovo impulso alla comunicazione, sia offline che online, con un continuo rafforzamento dei canali e lo sviluppo dei social network per creare community, interazione e condivisione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'isola di Santa Maria delle Grazie può uscire dall'abbandono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento