menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cala il silenzio su San Giuliano, l'Heineken Jammin' Festival se ne va

Una mail dell'inventore della manifestazione Roberto De Luca al direttore generale di Ca' Farsetti Marco Agostini ha ufficializzato il divorzio. La kermesse andrà a Milano

E addio fu. Doloroso, certo, ma atteso e sussurrato da molti. Roberto De Luca ha inviato una mail al direttore generale di Ca' Farsetti Marco Agostini per annunciare che Live Nation non organizzerà più l'Heineken Jammin Festival nel parco di San Giuliano. Troppo ingenti le "perdite economiche determinate dall'ultima edizione" e le "pesanti critiche da parte della stampa nazionale e di parte di quella locale", si legge nella missiva.

Ormai De Luca era rimasto l'unico a volere che il più grande carrozzone rock d'Italia si tenesse ancora in laguna. Il resto dello staff di Live Nation avrebbe storto il naso di fronte ai costi ingenti che comporterebbe organizzare un grande evento in una location come San Giuliano. Meglio la fiera di Milano-Rho, già sede del Rock in Idrho. Più facilmente raggiungibile dagli spettatori e più "gestibile" a livello logistico. Anche se il fascino di San Giuliano i concerti sull'asfalto milanese se lo sognano.

Ora sarà da stabilire se Live Nation continuerà a collaborare con il Comune per altri grandi eventi, come l'ElectroVenice Festival. De Luca non ha mai fatto mistero di essere innamorato del parco mestrino, quindi ci potrebbero essere degli spiragli. Per il resto le casse di Ca' Farsetti piangono, anche se la volontà è di non lasciare che questa esperienza costituisca un "unicum".


Marco Agostini ha dichiarato al Gazzettino che il suo sogno sarebbe di ospitare il primo concerto di Vasco Rossi quando si sarà ripreso, cercando di dotare il parco di tutte le strutture necessarie per rendere la location appetibile per l'organizzazione di altri grandi eventi. Sulla stessa lunghezza d'onda il presidente della municipalità di Mestre Centro Massimo Venturini, che ha espresso la volontà di organizzare con il Comune una decina di giorni di concerti. Senza però chiudere il parco ai mestrini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento