menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pericolo interramento in laguna, via alle rilevazioni in acqua: "Dati certi per intervenire"

Partenza mercoledì 12 luglio a San Giuliano: l'intento è verificare lo stato di fondali, canali e torbidità dell'acqua. Saranno all'opera i volontari della Consulta laguna media

Un gruppo di volontari si avventura nell'impegnativo compito di studiare la laguna e i suoi mutamenti negli ultimi anni. Inizia mercoledì 12 luglio un lavoro di rilevazione su profondità dei fondali e torbidità dell'acqua nei canali e nelle secche prospicenti al parco di San Giuliano che sarà realizzato dalla "Consulta laguna media", diretta emanazione del polo nautico mestrino. Sono già stati eseguiti una serie di incontri di studio e di prove, al termine dei quali si è deciso di effettuare i rilevamenti con un protocollo preparto dell'ingegner Giovanni Cecconi e con strumenti in parte auto prodotti.

L'attrezzatura? Scandaglio per la profondità e disco Secchi per la torbidità, ma anche strumenti come Gps e misuratori di distanza. I dati, dopo aver controllato il ritardo di marea rispetto a Punta della Salute, saranno parametrati all'altezza di marea prevista all'ora delle misurazioni. "Cerchiamo di rilevare dati affidabili - spiega il coordinatore del progetto, Paolo Cuman - e quindi confrontabili con quelli storici esistenti, per poter verificare la reale situazione dei fondali. Siamo comuni cittadini che si accollano un compito di controllo del territorio".

GIà un paio di mesi fa le associazioni (Canottieri Mestre, G.S. Voga Veneta Mestre, Canoa Club Mestre, Circolo Velico Casanova e Circolo della Vela di Mestre) hanno denunciato come la mancata manutenzione dell'area della laguna antistante San Giuliano stia portando a un interramento progressivo e a una serie di modifiche pericolose per l'ambiente e l'ecosistema. "La laguna si sta interrando - è stato detto - in conseguenza dei cambiamenti dei flussi di marea, alghe mai rimosse che si depositano, eccesso di torbidità causato dalla risospensione di sedimenti nel canale di Tessera e ristagno dovuto al ponte". Ora l'obiettivo è dimostrarlo con i dati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Attualità

Marea di borse in plastica invade la scala Contarini del Bovolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento