menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vede i carabinieri e scappa. Fermato, sferra calci e pugni: in manette

Il ragazzo, un 21enne, è stato bloccato mentre cercava di fuggire nel sottopasso pedonale della stazione di Mestre. Il sospetto è che sia sbarazzato di stupefacente alla vista dei militari

L'atteggiamento piuttosto sospetto ha spinto i militari dell'Arma impegnati in un servizio antidroga a controllare quel ragazzo, mentre si trovava al binario della stazione di Mestre. Un'intuizione dei carabinieri, che dopo un inseguimento hanno messo le manette attorno ai polsi al 21enne N.A. È successo nella serata di lunedì, poco prima delle 20.

La fuga e la resistenza

Il giovane, sentitosi osservato dal personale in divisa ed evidentemente con qualcosa da nascondere, si è diretto in fretta e furia verso il sottopasso in direzione di Marghera, accennando una fuga fermata sul nascere. Una volta bloccato, il ragazzo ha cominciato a dimenarsi e scalciare i carabinieri, colpendoli anche con fendenti, quasi tutto a vuoto. Proprio la condotta poco collaborativa ha fatto scattare l'arresto per resistenza a pubblico ufficiale.

In manette

A seguito della perquisizione personale, il giovane non è stato trovato in possesso di stupefacente, sebbene i militari ritengano che il giovane se ne possa essere sbarazzato  proprio nelle fasi iniziali del suo tentativo di fuga.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento