menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lo spettro degli esuberi si agita a Media World: dipendenti a braccia incrociate sabato

Lo sciopero annunciato dalle sigle nazionali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs, contro la decisione del gruppo di ridurre i punti vendita italiani e il personale

I sindacati hanno proclamato lo sciopero nei punti vendita italiani del gruppo, sabato. L'astensione è stata decisa a livello nazionale e unitariamente dalle categorie Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs, contro gli esuberi annunciati dalla società, le chiusure e i trasferimenti di personale. Una situazione che rischia di mettere in difficoltà centinaia di addetti, da nord a sud, molti dei quali aderiranno all'astensione lasciando gli acquirenti da soli sulle corsie, proprio nel giorno di maggior afflusso di compratori. 

Agitazione a Mestre

Per la Media World di Mestre, zona Auchan, ad annunciare l'iniziativa è il segretario della Filcams Cgil di Venezia, Monica Zambon. "Ci sarà un presidio fuori dal negozio dalle 10 alle 14 - annuncia -, vista la necessità di fiare chiarezza sulla situazione locale e nazionale, di fronte alle prospettive paventate dall'azienda". Mediamarket, che controlla i punti vendita di Media World, ha annunciato la chiusura di Grosseto e Milano Stazione Centrale da fine marzo, il ricorso ai contratti di solidarietà e infine agli esuberi, per via del peggioramento delle condizioni economiche del gruppo. Una situazione che le sigle sindacali non sono disposte ad accettare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Veneto ancora in zona arancione, Confcommercio: «Siamo sconcertati»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Marchio Igp per il vetro di Murano e il merletto di Burano

  • Cronaca

    Sport e attività motoria, cosa si può fare in Veneto: le Faq del Governo

  • Cronaca

    Ufficiali i nuovi colori: il Veneto resta arancione

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento