menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inizia il Ramadan, bengalesi senza sede degna: "Chiediamo un incontro con Agostini"

E' iniziato il mese sacro per i musulmani. Una parte dei fedeli ha affittato uno spazio in via Lissa, vicino a via Miranese: "Non è sufficiente, speriamo che il Comune ci dia una mano"

"Chiediamo la possibilità di incontrare il comandante della polizia municipale, Marco Agostini". Inizia il Ramadan, il mese sacro per i musulmani, ma la comunità bengalese è ancora orfana di una sede dove poter pregare e organizzare le proprie cerimonie. Per questo chiede aiuto al Comune, dopo che la "moschea" di via Fogazzaro a Mestre è stata interdetta al culto per una destinazione d'uso non adatta dell'immobile.

Tant'è. La comunità che faceva riferimento a via Fogazzaro in questi giorni si è divisa, ma pare solo per il Ramadan: l'associazione culturale "La Pace" ha affittato un immobile in via Lissa, nelle vicinanze di via Miranese. Nella comunicazione con cui si rende noto alla comunità la nuova "opzione" si sottolinea come lo spazio sia comodamente raggiungibile in autobus, fatto non secondario visto che spesso i bengalesi non hanno un'auto on cui muoversi. Il locale, però, sarebbe piuttosto piccolo in fatto di superficie. Insufficiente per garantire il culto a tutti. "Per questo chiediamo che Ca' Farsetti ci dia una mano - dihiara Kamrul Syed, portavoce della comunità bengalese - soldi per affittare spazi troppo estesi non ce ne sono a sufficienza. Per queste settimane speriamo di trovare una soluzione condivisa".

L'attenzione, come durante i venerdì di preghiera dei mesi scorsi, si concentra su alcuni spazi a gestione pubblica come il centro civico di via Sernaglia a Mestre: "Abbiamo già inviato due richieste alla segreteria del comandante - conclude Kamrul Syed - ma fino a questo momento non abbiamo ottenuto risposta". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lo show "4 Hotel" dello chef Bruno Barbieri parte da Venezia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento