menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Senzatetto espulsi dall'ospedale All'uscita trovano un benefattore

La coppia, italiana e proveniente dal Padovano, si era piazzata al primo piano dell'Angelo con i borsoni. Un uomo ha pagato loro taxi e alloggio

Hanno cercato rifugio all’ospedale all’Angelo per evitare la tempesta, ma la direzione ospedaliera è stata intransigente: “Qui la notte non si può passare”. Due anziani senza fissa dimora, entrambi italiani e provenienti dalla provincia di Padova, lunedì sera hanno preso borse e borsoni sistemandosi su una panchina del primo piano dell’ospedale, contando su quel tetto sicuro per ripararsi dal freddo e dalla grandine. Come riporta il Gazzettino, l’Ulss 12 si è immediatamente attivata contattando sia i Servizi Sociali del Comune sia la Caritas veneziana. Ma che è successo dopo?

Secondo la versione ospedaliera la coppia di anziani si sarebbe rifiutata di accettare qualunque tipo di assistenza. Pare non avessero la minima intenzione di spostarsi, e così la direzione ha sollecitato l’intervento di un agente di Polizia per convincerli ad allontanarsi.

Alla fine dunque la coppia è uscita dall’ospedale con una montagna di borsoni, cercando rifugio sotto la pensilina dell’autobus. Quando la grandine si è abbattuta su Mestre i due hanno provato a rientrare in ospedale, incontrando un benefattore: l’uomo, impietosito di fronte alla scena, ha pagato loro una stanza in un bad and break fast oltre al taxi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento