menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il cane fiuta la "pista della droga": "Passa attraverso un bar vicino al parco Bissuola"

Giovedì gli agenti della polizia locale hanno sequestrato dosi di cocaina nascoste nel giardino di un immobile in costruzione a pochi metri da un bar già finito nel mirino in passato

Continuano i sequestri di droga al parco Bissuola, segno che di stupefacenti nel polmone mestrino ne girano parecchi. In pochi giorni è il terzo caso di sostanze illegali che vengono tolte di mezzo dagli agenti del Nucleo di Sicurezza urbana della polizia locale. Giovedì le squadre antidegrado e le unità cinofile hanno passato al setaccio i luoghi maggiormente frequentati da pusher o tossicodipendenti. Grazie al fiuto dei cani, è stata individuata della cocaina nelle immediate vicinanze di un locale già in passato finito nel mirino delle forze dell'ordine. 

La pista "passa" per il locale

Per questo motivo gli uomini in divisa hanno deciso di approfondire gli accertamenti: "Il bar in questione è frequentato da persone dedite a spaccio - sottolinea in una nota il Comune - ed era già stato oggetto di un sequestro di cocaina nel corso dell'aprile scorso. In più sono stati trovati al suo interno due albanesi su cui sono ancora in corso accertamenti". Le unità cinofile hanno iniziato a fiutare una pista che aveva come punto di partenza la sala biliardi. Hanno continuato a "tirare" transitando per una porta di servizio del locale e imbattendosi, oramai in strada, in un immobile in costruzione proprio di fronte all'esercizio. A pochi metri di distanza.

Sequestro di cocaina

E' stato lì, nell'area del giardino, proprio come nel corso del controllo dell'aprile scorso, che sono state individuate 12 dosi di cocaina già confezionate e pronte per essere vendute al dettaglio: le dosi, di circa mezzo grammo ciascuna, avrebbero un valore complessivo sul mercato di 500 euro totali. "Le telecamere del locale installate nella zona biliardi sono risultate disattivate - sottolinea Ca' Farsetti - mentre del materiale da confezionamento, del tutto analogo a quello impiegato per la preparazione delle dosi, è stato trovato sotto alcuni quotidiani posizionati sopra un tavolino del bar". Della vicenda naturalmente è stata informata l'autorità giudiziaria. 

Un 25enne denunciato

Le operazioni antidroga sono poi continuate nelle altre zone "calde" dello spaccio mestrino: alcuni sequestri di cocaina sono stati messi a segno nei giardini pubblici di via Sernaglia, mentre in zona via Monte San Michele è stato bloccato un pusher nigeriano di 25 anni. Quest'ultimo si è accorto troppo tardi dell'arrivo della polizia locale: ha cercato di disfarsi della droga in extremis gettandola sotto un'auto, ma è stato tutto inutile. Si trattava d marijuana pronta per essere venduta. Per il 25enne, inevitabile, è scattata una denuncia a piede libero. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento