menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Kebabari e locali etnici nel mirino Sequestri e multe nel Veneziano

Controlli dei Nas negli ultimi mesi. Nei guai finiscono anche i magazzini di un'azienda agricola del mestrino per carenze igieniche

Kebabari e ristoranti cinesi. Un "filone" etnico della gastronomia e della ristorazione su cui hanno concentrato negli ultimi mesi l'attenzione i carabinieri del Nas di Treviso, competenti anche per il territorio Veneziano. Se nella Marca sotto sequestro, tra il resto, è finito un allevamento di tacchini da oltre 20mila capi per non aver rispettato le norme di "biosicurezza animale", anche in terra lagunare c'è chi è finito nei guai in maniera pesante.

Nel mirino, infatti, tra il Mestrino e la zona di Marghera è finita un'azienda agricola per cui alcuni magazzini sarebbero risultati privi di autorizzazioni specifiche. "Carenze igieniche e strutturali", vengono contestate dai controllori. Per questo motivo i locali sono stati sequestrati finché non sono stati messi in regola.

Come detto, però, nelle ultime settimane sarebbero stati almeno cinque i fast food "irregolari" scovati dai militari nel Veneziano, specie nell'entroterra mestrino e in centro storico. Sono stati riscontrati problemi igienici soprattutto nei magazzini (il cui utilizzo nella maggior parte dei casi è stato interdetto). Tra macchinari unti, sporcizia e impossibilità di risalire alla filiera della carne utilizzata per preparare le pietanze. Tra kebabari e ristoranti cinesi. Requisita quindi una notevole quantità di cibo, tra carne e pesce. Per irregolarità definite "molto gravi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento