Mestre Mestre Centro / Viale San Marco

La polizia sgombera gli stabili abbandonati in viale San Marco: 16 denunciati

L'operazione stamattina. L'area è stata bonificata

Avevano occupato abusivamente quegli edifici abbandonati creandoci un rifugio in cui mangiare, dormire, in cui vivere. Dal 2018, ormai, gli stabili all'angolo tra viale San Marco e viale Sansovino, a Mestre, erano diventati la casa di un gruppo di senza fissa dimora. Martedì mattina la polizia e la polizia locale li hanno sgomberati con un blitz. 

Uno sgombero che è stato eseguito dopo i numerosi esposti presentati nei mesi scorsi dai residenti della zona, che assistevano quotidianamente a un viavai di senza fissa dimora che occupavano gli appartamenti abbandonati da quando la società proprietaria, nel 2018, era fallita. Già in passato la polizia locale aveva effettuato degli interventi nelle palazzine. Nell'ultimo periodo erano state segnalate una trentina di persone che vi avevano trovato rifugio. 

Martedì mattina è scattato il blitz. Gli agenti hanno bonificato in modo capillare i tre edifici. Si tratta di tre palazzine distinte che comprendono un centinaio di appartamenti in totale. Sedici persone di varie nazionalità sono state identificate e accompagnate in questura e sono in corso accertamenti per valutare eventuali espulsioni per stranieri irregolari sul territorio nazionale. Tutti sono stati denunciati per invasione di proprietà privata. Le strutture, ora, sono libere e l'area andrà all'asta entro quest'estate. Ci sarebbero già alcuni acquirenti interessati all'acquisto per la riqualificazione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La polizia sgombera gli stabili abbandonati in viale San Marco: 16 denunciati

VeneziaToday è in caricamento