menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incidenti e tragedie, a gennaio scatta l'iter per la messa in sicurezza di via Martiri a Mestre

A breve aperto il bando per il progetto di terza corsia in corrispondenza dell'incrocio tra la statale 14 e via Porto di Cavergnago. L'apertura del (lungo) cantiere in primavera

E' uno dei punti maledetti della viabilità mestrina. Teatro purtroppo anche di recente di schianti dall'esito mortale. Ora, dopo l'ennesimo incontro tra Comune e Veneto Strade, pare che finalmente l'iter burocratico per la messa in sicurezza dell'incrocio tra via Martiri della Libertà e via Porto di Cavergnago, a due passi dal palasport Taliercio, partirà a breve. E dovrebbe avere pure tempi celeri.

L'ha annunciato il Comune di Venezia in una nota venerdì mattina, al termine della riunione con Veneto Strade, ente che gestisce la strada statale 14. Il bando di gara per il cantiere sarà aperto il 15 gennaio, subito dopo le feste natalizie. Il progetto riguarda la realizzazione di una corsia di marcia in più rispetto alle 2 esistenti in questo momento. Una soluzione adottata anche all'altezza di via Pasqualigo di recente. In questo modo gli automobilisti potrebbero contare su una corsia preferenziale per la svolta a sinistra, allargando di fatto il crocevia. "Con questa soluzione in via Pasqualigo gli incidenti gravi sono stati azzerati - commenta l'assessore alla Viabilità, Renato Boraso - stiamo lavorando e non ci fermeremo finché sarà trovata una soluzione.

Si tratta di un progetto da 2 milioni 300mila euro che comporterà un cantiere di più di un anno. Anche perché dovranno essere spostati i sottoservizi. Fatto sta che una soluzione era urgente: l'ultimo schianto mortale appena una settimana fa, quando perse la vita una 80enne mestrina seduta sul sedile del passeggero. L'auto su cui si trovava stava svoltando quando ha impattato contro un altro veicolo che stava transitando in direzione San Giuliano. Inevitabile lo schianto.

Il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, e l'amministratore delegato di Veneto Strade, Silvano Vernizzi, hanno trovato l'intesa venerdì, dopo che da giorni era stato annunciato un imminente incontro. “I lavori – ha spiegato l'assessore alla Viabilità, Renato Boraso – partiranno già tra la fine di aprile e i primi di maggio e saranno finanziati da Veneto Strade per oltre 1 milione di euro. Un passo significativo e importante per migliorare la sicurezza stradale in un tratto che spesso si è rivelato insidioso. Effettueremo dei sopralluoghi per capire se vietare la svolta a destra per la durata del cantiere, che si caratterizzerà anche per il congiungimento della pista ciclabile sia verso il Taliercio, sia verso la Vallenari bis. La notizia è che finalmente si parte, dopo anni di discussione”.

Ma c'è anche un secondo bubbone per la viabilità veneziana che è urgente risolvere: il tratto della statale 14 in località "Montiron", di competenza di Anas. "Ho già convocato un incontro per dopo il 9 gennaio - conclude Boraso - anche in quel caso servirà trovare la quadra velocemente. Noi non molliamo".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento