MestreToday

«Con la mascherina, ma non a bocca chiusa»: sit in degli studenti sotto il municipio

Giornata di protesta a livello nazionale. Un gruppo di studenti ha protestato a Mestre, focus la didattica a distanza e le affermazioni del ministro Azzolina sulle "bocciature a distanza"

Gli studenti questa mattina si sono mobilitati in tutto il territorio italiano per ribadire ancora una volta al Governo le problematiche e le necessità di scuola, università e lavoro. Anche a Mestre, attorno alle 10.30, si è tenuto un sit in sotto la sede della municipalità in via Palazzo. Diritto allo studio senza discriminazione e limitazione è stata la rivendicazione principale dei manifestanti, soprattutto in ottica didattica a distanza (DAD).

«La didattica a distanza è un fallimento, - spiega Tobia Navarro, responsabile provinciale del Fronte della Gioventù Comunista - milioni di studenti non hanno accesso alle video-lezioni, il diritto allo studio viene negato ai figli di lavoratori. Il ministro Azzolina invece sostiene che la DAD sia un successo e decide che sarà lecito bocciare. Noi non ci stiamo, scendiamo in piazza con la mascherina ma non a bocca chiusa. Siamo a maggio e il Governo dà indicazione di riaprire tutto, dai luoghi di lavoro alle chiese, mentre il quadro dell’istruzione pubblica rimane disastroso».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il rapporto di Cittadinanzattiva rivela che uno studente su due non ha potuto seguire regolarmente le videolezioni, «ma nel frattempo, - aggiunge Navarro - Azzolina continua a ripetere che la DAD sia un successo arrivando perfino a sostenere che gli studenti con "carenze" vadano bocciati. Dalla chiusura delle scuole il ministero dell’Istruzione ha relegato le lezioni online alla buona volontà dei singoli docenti, senza fornire nessun supporto di tipo tecnico, né tanto meno didattico, alle scuole e alle famiglie. Milioni di studenti non hanno avuto materialmente la possibilità di seguire le videolezioni e di rimanere al passo con la scuola, tra mancanza di computer e connessione internet sufficienti. Qua in Veneto, per esempio, sono stati stanziati dei fondi per la banda larga, peccato che i lavori dovevano essere conclusi a dicembre di quest’anno, mentre finiranno nel 2023».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, il bollettino di stasera per Veneto e provincia di Venezia

  • Tamponamento e incendio in autostrada A4: tratto chiuso e code

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento