menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Manette alla stazione, in tasca ha banconote false per seimila euro

Un 26enne marocchino residente nel Miranese martedì sera è finito in manette a Mestre. I soldi erano tutti fasulli, alcuni con matricole uguali

Un sacco di soldi. Rotoli di banconote che a un certo punto sono sbucati fuori dalle tasche di un cittadino di nazionalità marocchina di 26 anni. Peccato che fossero tutti falsi. Un gruzzolo che però avrebbe potuto essere immesso piano piano nel mercato, tentando di aggirare controlli e registratori di cassa. Il giovane, residente nel Miranese, è stato arrestato nel tardo pomeriggio di martedì mentre metteva piede in stazione a Mestre.

Ad attenderlo come benvenuto i carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Mestre, che sapevano chi e cosa cercare. Le informazioni in possesso delle forze dell'ordine si sono rivelate corrette: l'uomo, perquisito, aveva circa un centinaio di banconote false nelle tasche. Nessuna valigetta o zainetto. Ma comunque seimila euro "virtuali" pronti per chissà quale operazione criminale.

Le banconote, già sospette di per sé visto che sono rari i casi in cui qualcuno si porta in giro una somma del genere, erano tutte di ottima fattura. I segni distintivi e le accortezza cui devono stare attenti i falsari erano state tutte rispettate. Un unico problema però: il loro numero di matricola era identico. Specie per quanto riguarda quelle da cinquanta euro. Anche quelle da cento avevano delle serie duplicate tra loro.

Inevitabili le manette per l'extracomunitario e il sequestro del "tesoretto". Ora le indagini proseguono per capire da dove arrivino quei soldi falsi e chi materialmente li abbia prodotti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento