MestreToday

I sensori segnalano una fuga di gas, famiglie evacuate dal condominio a Mestre

E' successo domenica in via Monte San Michele, vicino la stazione ferroviaria. Almeno 3 i nuclei famigliari che hanno dovuto lasciare gli alloggi. Appartamento "a rischio esplosione"

Si sono protratti per ore gli accertamenti domenica mattina per una sospetta fuga di gas in un condominio di via Monte San Michele a Mestre. A due passi dalla stazione ferroviaria. I residenti hanno allertato i vigili del fuoco segnalando un odore preoccupante provenire dell'appartamento sottostante e per questo motivo si è reso necessario l'intervento dei pompieri.

Sul posto una squadra del comando di Mestre e con ogni probabilità anche gli uomini del nucleo Nbcr. Le strumentazioni in dotazione hanno effettivamente riscontrato la possibile presenza di gas all'interno di un appartamento, che addirittura veniva segnalato come "a rischio esplosione". Per questo almeno 3 nuclei famigliari sono stati costretti a lasciare lo stabile, mentre gli altri appartamenti in quel momento erano vuoti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul posto si sono portati anche i tecnici di ItalGas, per cercare di capire quale fosse la causa del problema. Dopo 4 ore, però, della vicenda non si è venuti a capo. O meglio, la situazione era tornata alla normalità e nulla lasciava presagire alla possibilità di un secondo round. Per questo motivo gli inquilini, dopo 4 ore, hanno potuto far ritorno nei rispettivi alloggi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento