menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sorpreso a spacciare cocaina al parco, ma non ha precedenti specifici: denunciato

Giorni di controlli intensi per il contrasto dello spaccio di stupefacenti da parte della polizia locale di Venezia. Luoghi caldi il Parco Albanese e l'argine del fiume Marzenego

Resta sempre alto il livello di intensità delle azioni antidroga della polizia locale. Negli ultimi giorni personale del servizio sicurezza urbana ha effettuato nuovi interventi nella zona di via Cappuccina, lungo l'argine del fiume Marzenego nel quartiere Bissuola e al parco Albanese.

La prima operazione si è conclusa con successo nel pomeriggio di sabato con l’intervento del nucleo di polizia giudiziaria, che sta cercando di mettere sotto pressione il gruppetto di pusher magrebini che staziona in via Cappuccina vicino all'imbocco del sottopasso tramviario. Gli operatori della polizia locale, appostati in posizione defilata, hanno notato un uomo che si avvicinava a quattro nordafricani con l’intenzione di acquistare sostanze stupefacenti. Il "cliente", dopo una breve conversazione con gli spacciatori, si è allontanato di qualche metro con uno di questi per riceverne un involucro in cambio di una banconota. L’acquirente si è allontanato quindi verso via Rampa Cavalcavia, dove è stato fermato dagli agenti ai quali ha consegnato un involucro con polvere bianca risultata positiva al narcotest per la cocaina, appena acquistata per 20 euro.

Lo spacciatore, un tunisino di 25 anni, è stato quindi fermato e condotto al comando della polizia locale. La successiva perquisizione ha permesso di rinvenire una modesta quantità di marijuana, la banconota da 20 euro appena ricevuta e altro denaro, frutto dell'attività di spaccio. Sostanze stupefacenti e denaro sono stati sequestrati. Il giovane pusher, giunto in Italia da pochi mesi e clandestino, è stato denunciato a piede libero poiché a suo carico non risultavano precedenti specifici.

Nel pomeriggio di lunedì ad intervenire è stata invece una squadra cinofila della polizia locale, incaricata di perlustrare un fronte relativamente nuovo dello spaccio, lungo il fiume Marzenego nel quartiere Bissuola. Una zona che già in passato era stata utilizzata come luogo di spaccio dagli spacciatori in fuga dal centro di Mestre a causa dei controlli di polizia. L'unità ha rinvenuto alcune dosi di marijuana occultate nelle vicinanze del parco giochi "Allende", vicino a un pontiletto per le imbarcazioni. Martedì pomeriggio, infine, due pattuglie sono intervenute al Parco Albanese mettendo in fuga di due spacciatori, che hanno abbandonato sul terreno due confezioni di marijuana di alcune decine di grammi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento