menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Fatturavo milioni, ma la crisi mi ha tolto tutto. Pensai al suicidio, ora realizzo il mio sogno"

La storia di Raffaele Lucato, dal paradiso all'inferno e ritorno. Gestisce il negozio Bicimania di via Torre Belfredo a Mestre: "Senza moglie, figli e amici non sarei qui. Ti senti perso"

Lo vedi indaffarato tra fornitori, pneumatici e cambi. Un sorriso per tutti, dal cliente che chiede un'informazione per la giusta pressione delle ruote al postino che saluta, consegna e se ne va. Ma il sorriso Raffaele Lucato, 52 anni, gestore del negozio Bicimania di via Torre Belfredo a Mestre, l'ha riconquistato da poco meno di un anno. Con le unghie e con i denti. Perché lui poteva essere l'ennesima vittima della crisi economica nel Nordest dei piccoli capannoni, e ci è andato vicino.

"Chi si è tolto la vita lo capisco"

"Chi si è tolto la vita lo capisco - racconta - ti senti svuotato. La tua quotidianità dall'oggi al domani perde di senso. Ci ho pensato tante volte, ma ci sono mia moglie e i miei figli. Avrei causato loro più danni che altro". Un buco nero durato un anno e mezzo, durante il quale chi ti stendeva il tappeto rosso non ti degnava più di uno sguardo: "Ti senti tagliato fuori, non vedi la luce. E' un lento sprofondare - continua Raffaele Lucato - devo ringraziare chi mi è stato vicino e mi ha spronato a vivere giorno dopo giorno. Perché se ti comporti sempre bene sono convinto che l'occasione arriva".

Prima il paradiso  

Ora Raffaele Lucato si destreggia tra mountain-bike e bici elettriche, ma prima era un professionista delle sedie d'ufficio: "Facevo il commerciale e tra Russia, Dubai, Cuba negli anni Novanta ho girato il mondo prendendo bei compensi. Ho aperto nuovi mercati per una ditta di Loria, nel Trevigiano - racconta -, poi mi hanno licenziato convinti di poter fare senza di me, ma l'anno dopo sono dovuti tornare sui loro passi. E' durata comunque poco e sono diventato socio al 10 per cento di un'azienda sempre specializzata in arredo d'ufficio. C'erano 30 grattacieli nuovi a Dubai, uno vicino all'altro. Hai idea di quante sedie c'era bisogno?". 

Poi l'inferno 

Era la forza del Nordest: tenaci e flessibili imprese che si facevano largo nei mercati mondiali. "E' arrivato però il colpo gobbo. Una grossa commessa non viene pagata e nel 2007 tutto finisce - ricorda Raffaele - Ma io non volevo demordere. Ho riaperto una ditta nello stesso capannone e pagato tutti i debiti rateizzandoli in un anno con i fornitori. Era diventato un gioiello. Avevamo brevettato una sedia in carbonio di alta gamma, puntavamo anche sull'alluminio e fatturavamo 2,7 milioni di euro. Eravamo in espansione". Un giocattolo che si rompe per colpa dello tsunami chiamato Lehman Brothers: "Da ottobre 2008 è cambiato il mondo - sottolinea Lucato - avevamo 800mila euro bloccati in Medio Oriente, poi tutto è andato sempre peggio. Sono riuscito a resistere fino a novembre 2011, giostrandomi tra 10 banche. Ho dovuto lasciare a casa 13 dipendenti, compreso mio figlio". 

Dai milioni al nulla

Dall'oggi al domani ti ritrovi con un pugno di mosche in mano: "La mia famiglia ha venduto quello che si poteva vendere - continua Raffaele - Ma quando porti i libri in Tribunale tutti ti evitano. Mia moglie non mi ha mai rinfacciato nulla, anzi. A 46 anni, però, non ti vuole più nessuno. Chi ti tira su? E' stata dura, durissima. Un giorno parli con i segretari dei ministeri e quello dopo non hai più nulla. Ti senti inutile, perso. Senza via d'uscita". Dopo un anno e mezzo di niente arriva un lavoro come rappresentante di cancelleria: "Suoni al campanello e nemmeno ti ricevono - spiega - dove prima avevi tutti gli onori. Ma ho fatto tutto quello che dovevo fare e l'ho fatto con dignità. Io rispetto il lavoro di tutti". La realtà, però, è partita Iva e 1200 euro lordi in tasca. E una famiglia da mandare avanti. Infine il ritorno in pista in una ditta d'arredo padovana: "Ma non andava. Non si lavorava come avrei voluto io - conclude Lucato - c'erano i soldi ma non c'era la serenità. La soddisfazione". 

La nuova scommessa

Alla fine dell'anno scorso si è accesa la lampadina: "Con i miei amici spesso vado a correre e siamo appassionati di triathlon - spiega - tra loro si era sparsa la voce della chiusura di questo negozio, descritto come l'unico 'meccanico serio di Mestre'. Ci ho pensato e ho detto 'sarebbe bello ma è impossibile', ma l'idea mi continuava a martellare in testa. Era il mio sogno. Allora sono andato a parlare con i titolari, ho venduto l'auto, un orologio e altri oggetti e mi sono messo da parte il gruzzoletto che mi ha permesso di partire". Sorride (di nuovo) e appoggia le mani sul bancone. Si sporge: "Non è tutto rose e fiori, è stata una scelta difficile - sottolinea - Ma ho seguito il mio cuore. Sono convinto che se rispetti tutti e semini, alla fine raccogli. Tanta gente mi ha dato una mano e non posso che ringraziare - conclude - Ora ho voluto la bicicletta e pedalo da quasi un anno. Ma lo faccio più che volentieri". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento