rotate-mobile
Domenica, 5 Febbraio 2023
Mestre Mestre Centro / Via Sernaglia

Torna lo street artist Marco Abrate “Rebor” a realizzare un'opera nel quartiere Piave

Si chiama “Rivelazione digitale”. L'artista piemontese la farà dal vivo iniziando a lavorare martedì alle 15 in via Sernaglia, una laterale della strada che porta alla tanto discussa zona della stazione di Mestre

Torna a Mestre lo street artist piemontese Marco Abrate “Rebor”, vincitore per la disciplina “street art” della terza edizione del concorso per giovani artisti bandito dal Comune di Venezia “Artefici del nostro tempo”. Martedì alle 15 comincerà a lavorare on site a Mestre, in via Sernaglia, alla sua opera “Rivelazione digitale” sulla superficie di un edificio pubblico situato al centro del quartiere Piave, tanto discusso per il crescendo di violenza e criminalità.

Dopo martedì, Rebor continuerà a lavorare sul posto anche mercoledì e giovedì. Lo street artist, classe 1996, dallo scorso aprile ha in esposizione, all’interno del Padiglione Venezia della Biennale Arte 2022, l’opera vincitrice del concorso dal titolo “Rivelazione digitale”. L’opera originale, esposta in formato di 45x45 sarà ora realizzata sul muro in una dimensione maggiore, un quadrato di un metro e quaranta di lato, ampiamente visibile da coloro che passeranno per la via e che potranno osservare, percepire o intravedere, attraverso la pareidolia (capacità di vedere immagini e forme praticamente ovunque) immagini e sagome originali e fantastiche.

Rebor realizza infatti interventi artistici creando finti muri in cemento sui quali applica frammenti di intonaco che formano immagini che si dissimulano nel contesto e che devono, a detta dell’artista, “essere di volta in volta scoperte e individuate mettendo in evidenza l’aspetto vitale della creatività, ribadendo la necessità che essa ritorni ad essere spunto per scelte libere e consapevoli, giocando con lo stupore e il mistero”. L'artista darà inizio alla realizzazione dell’opera nel pomeriggio di martedì alle 15 e continuerà sino al completamento dalle 9 di maercoledì. 

«Chiunque abbia interesse per l’arte e le sue applicazioni, o che passi semplicemente per la via – ha detto l’assessore alla Promozione del Territorio, Paola Mar – potrà fermarsi a osservare il processo creativo nelle sue diverse fasi, in una performance originale e unica nel suo genere in cui l’estro, l’inventiva e la ricerca artistica daranno luogo ad esiti imprevedibili e sorprendenti. La realizzazione dell’opera di Abrate dà seguito agli impegni che il Comune di Venezia si era dato con il bando del concorso "Artefici del nostro tempo", di far cioè trasporre il bozzetto vincitore del concorso direttamente su un muro della città». La performance è organizzata dal Comune di Venezia in collaborazione con la Fondazione Musei Civici di Venezia e con Giovanna Zabotti, curatrice dell’esposizione “Alloro” al Padiglione Venezia alla Biennale, in cui sono esposte anche le opere dei vincitori delle otto discipline del concorso (sotto: foto Abrate, Rebor. Da profilo Facebook).

Abrate, Rebor. Foto da profilo Facebook

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna lo street artist Marco Abrate “Rebor” a realizzare un'opera nel quartiere Piave

VeneziaToday è in caricamento