menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Centinaia di conigli nell'appartamento del degrado: il servizio di Striscia a Mestre

Il terzo piano di un condominio colmo di sporcizia e escrementi. Il programma satirico sbaglia e fa appello al "sindaco di Mestre". Alla fine intervengono servizi sociali, Ulss e Veritas

L'appartamento letteralmente invaso dai conigli. E poi sporcizia, incuria, camere nel caos totale. È la situazione fotografata con un servizio realizzato dal programma satirico "Striscia" e andato in onda su Canale 5 mercoledì 30 novembre. Tutto nel centro di Mestre, al terzo piano di una palazzina in zona via Piave. Tanto che alla fine sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia municipale, gli operatori dei servizi sociali e quelli del servizio veterinario dell'Ulss. C'era da fare pulizia per garantire le condizioni minime di igiene nel palazzo e la salute per persone e animali.

Il servizio mostra l'inviato Edoardo Stoppa che, seguito dal cameraman, suona alla porta dell'appartamento e si fa guidare dal padrone di casa attraverso stanze colme di escrementi animali e spazzatura, mentre l'uomo racconta in modo piuttosto confusionario come è finito a trovarsi in queste condizioni. Spiega di dormire su una seggiola in salotto e di mangiare solitamente fuori casa, spesso da un fratello.

VEDI IL VIDEO COMPLETO SUL SITO DI STRISCIA (minuto 37)

Una "surreale situazione di convivenza", come descritto da Stoppa, che racconta: "Un signore ha deciso di allevare decine e decine di conigli all'interno di casa sua, al terzo piano di un condominio nel centro della città. Ci sono probabilmente più di cento animali. Nessuno nel palazzo è al corrente della situazione, che va avanti da anni". Al padrone di casa spiega che Striscia cercherà di dare una mano per intervenire su un "ambiente malsano, pericoloso per il condominio, per le persone e per gli animali". Dopodiché chiede alle istituzioni e alle strutture sanitarie di prendersi cura del caso. Peccato che il "sindaco di Mestre" invocato sia da Stoppa che dal conduttore Ezio Greggio non esista, ma non per questo l'appello ha perso di valore.

E infatti l'intervento di Comune e Ulss non è tardato ad arrivare: dopo lunghe trattative gli operatori hanno convinto il proprietario, un 58enne con problemi psichichi, a ripulire gli spazi della casa. I conigli sono stati presi in consegna da un agriturismo, mentre in supporto per la disinfestazione sono stati chiamati gli operatori di Veritas, che hanno portato via 10 metri cubi di scarti. In casa non è rimasto nulla, perché tutti gli oggetti, gli elettrodomestici e il mobilio erano compromessi dalla sporcizia. L'uomo, che ora è seguito dai servizi sociali, è stato ospitato in albergo per il tempo delle operazioni (circa una settiman) e ha fatto ritorno nell'appartamento dopo che il Comune gli ha messo a disposizione un letto, un tavolo e il minimo indispensabile per vivere. Le operazioni sono iniziate poco dopo la metà di novembre e sono state coordinate dal servizio edilizia e ambiente della polizia municipale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento