Mestre Mestre Centro / Via Rampa Cavalcavia

Senza documenti ma pieni di precedenti a Mestre: in 2 se ne torneranno in Tunisia

Tre giovani magrebini sono stati identificati lunedì pomeriggio dopo un controllo in zona via Rampa Cavalcavia. Per un 19enne decreto d'espulsione, per i 2 compari accopagnamento al Cie

Commissariato di Mestre

Erano privi di documenti e lì con ogni probabilità non erano intenti a una passeggiata di salute. Tutti e tre sono stati espulsi, ma 2 sono stati anche accompagnati al centro permanente per il rimpatrio (Cpr) di Torino in attesa che le operazioni burocratiche vengano espletate per il loro ritorno in madrepatria. 

Tre espulsi 

Si tratta del risultato più importante dei controlli interforze operati lunedì nella zona del quartiere Piave per contrastare l'immigrazione clandestina: verso le 16.30 circa gli agenti del commissariato di Mestre hanno controllato 3 giovani di origini magrebine nei pressi di via Rampa Cavalcavia. Erano senza documenti, dunque sono stati tutti portati in commissariato per identificarli. Attraverso le impronte digitali si è scoperto che erano tutti tunisini con una sfilza di precedenti penali: F.G di 24 anni, L.M. di 27 anni e S.N. di 19 anni, irregolari in Italia che non avrebbero mai chiesto il permesso di soggiorno. 

In 2 all'ex Cie 

S.N. era finito nei guai in passato per ricettazione, tentato furto aggravato, detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e falsa attestazione o dichiarazione sull’identità personale; a carico di L. M. precedenti per ricettazione e invasione di terreni o edifici e inosservanza alle norme sugli stranieri, infine F.G. aveva precedenti per spaccioi e violazione di domicilio. Per i primi due è stato disposto l’accompagnamento all'ex Cie di Torino, mentre al 19enne è stato notificato un decreto d'espulsione da parte del prefetto di Venezia, con ordine di allontanamento firmato dal questore. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Senza documenti ma pieni di precedenti a Mestre: in 2 se ne torneranno in Tunisia

VeneziaToday è in caricamento