menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La protesta dei residenti: "Troppe auto in via Fradeletto, serve Ztl"

Oltre 27mila veicoli attraverserebbero ogni giorni l'arteria di collegamento tra tangenziale e viale Vespucci, ora il Comitato locale chiede di parlare a Zappalorto

Lo ripetono dal 1998, “via Fradeletto va sgravata dal traffico”, un ritornello che è stato recitato davanti a sindaci, assessori e referenti di Municipalità e che ora si vorrebbe far sentire anche al commissario prefettizio Vittorio Zappalorto. Il Comitato di via Fradeletto, uno dei movimenti cittadini più “anziani” di Mestre, torna a chiedere quello che sostiene di non aver mai ottenuto in sedici anni, nonostante le promesse delle varie amministrazioni locali. A riportarlo è il Gazzettino, che spiega anche come alcuni residenti si siano messi addirittura a contare le auto in transito.

Sarebbero infatti almeno 27mila i mezzi che nell'arco di 24 ore percorrono la strada in entrambe le direzioni, con una media di 1.700 veicoli all'ora. Automobili, motorini, moltissimi autobus turistici (non quelli di Actv, comunque, visto che le fermate nella strada sono state sospese da tempo), in tanti sostano anche a margine della carreggiata, cercando indicazioni; secondo il Comitato, infatti, in molti si ritrovano lì dopo essere usciti dalla tangenziale per tentare di raggiungere Venezia, colpa delle indicazioni poco chiare. I residenti sono costretti quindi a convivere con rumore e smog, e si lamentano di dover tenere sempre le finestre di casa chiuse, per evitare che l'inquinamento penetri fino a salotti, cucine e camere da letto. Quello che chiedono i cittadini del quartiere è un dissuasore di velocità, una Ztl o una qualsiasi altra modifica alla viabilità che scoraggi le auto a passare per via Fradeletto, anche se, in verità, già il divieto di svolta a sinistra in via Ca' Rossa per chi va verso San Giuliano (al semaforo con viale Vespucci) spinge già tantissimi automobilisti a percorrere viale Garibaldi piuttosto che proseguire lungo la trafficata arteria di collegamento tra la tangenziale e il parco. Tra i contrari al Comitato, infine, c'è anche chi porta avanti posizioni molto più radicali: comprare un appartamento in via Fradeletto, sostengono alcuni, ha un costo diverso rispetto ad altre zone più “tranquille”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento