Mestre

Tumore della prostata: all'Angelo un nuovo ecografo per esami più efficaci

Nuova strumentazione che fonde le immagini di risonanza e biopsia per un esame più preciso

Un nuovo sistema ecografico, con il relativo software, è a disposizione degli specialisti di Urologia all’Angelo, e fa fare un salto alla precisione e all’efficacia degli accertamenti sui tumori che colpiscono la prostata. La strumentazione fonde in un unico esame i due principali sistemi utilizzati fin qui, la risonanza magnetica e la biopsia prostatica: « tumore della prostata è il tumore più frequente nell’uomo - dice il dottor Franco Merlo, primario di Urologia - ma nella grande maggioranza dei casi non evidenzia sintomi o segni precoci. La nuova apparecchiatura associa le immagini della risonanza magnetica con quelle raccolte per via endoscopica in tempo reale durante la biopsia: un passo in avanti decisivo per un esame che solo all'Angelo viene effettuato su circa 300 persone ogni anno».

Come funziona il nuovo ecografo

Il nuovo ecografo, di alta gamma, è dotato di un sofisticato software che letteralmente fonde tra loro le immagini dei due sistemi, consentendo finalmente all'urologo di eseguire biopsie con precisione chirurgica, andando a prelevare il campione là dove lo suggerisce la risonanza effettuata in precedenza. I vantaggi di tale metodica, definita come «fusion biopsy» sono evidenti: minor numero di prelievi necessari, minori complicanze, maggior accuratezza. In sintesi, non più biopsie “casuali” su tutta la prostata ma estremamente precise e focalizzate sulle aree sospette, sotto la guida delle immagini realizzate dalla risonanza magnetica.

«Accanto al Robot Da Vinci, in funzione all’Angelo dal 2015 con centinaia di interventi eseguiti - sottolinea il direttore generale Giuseppe Dal Ben - l'Ulss 3 Serenissima aggiunge anche quest’ultima dotazione tecnologicamente avanzata. Tutta la miglior efficacia della diagnosi poi, se si evidenzia un tumore, viene messa al servizio del lavoro di cura». Il tumore alla prostata solo in Veneto colpisce circa 3.500 persone ogni anno e concentra il oltre il 26 per cento dei casi nella fascia d’età tra i 50 e i 69 anni».  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tumore della prostata: all'Angelo un nuovo ecografo per esami più efficaci

VeneziaToday è in caricamento