menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sottopasso pieno di polvere

Il sottopasso pieno di polvere

Mestre, vandali svuotano estintore in stazione: "Non si respirava più"

Un gruppo di giovani verso le 8 di domenica ha riempito di polvere il sottopasso ferroviario: "Si andava avanti solo col fazzoletto sulla bocca"

"Non si riusciva a respirare, sono stati alcuni minuti da incubo". Tanto trambusto domenica mattina nel sottopasso ferroviario della stazione di Mestre, che di punto in bianco dalla parte di Marghera è diventato quasi "impenetrabile". Una spessa coltre di polvere aveva ridotto la visibilità al lumicino. Tanto che qualcuno ha pure ipotizzato che alcuni operai (in orario e giorno decisamente inusuali per dei lavori in corso) avesse fatto cadere qualcosa "di grosso" a terra. Altri hanno ipotizzato qualche mini cantiere aperto per il sottopasso del tram poco distante.

Insomma, tanti punti di domanda e un'unica certezza: fino al binario 4, provenendo dalla parte di via Ulloa, dieci minuti prima delle 8 di domenica era impossibile camminare se non tenendosi un fazzoletto sulla bocca e sul naso. A protezione delle vie aeree: "Abbiamo tutti fatto così - racconta un testimone - un polverone incredibile". Ma a causarlo non sarebbero stati operai o lavori in corso, bensì una goliardata di un gruppetto di cinque ragazzini che hanno deciso di ravvivare la loro domenica mattina in un modo decisamente insensato. A un certo punto, secondo alcuni passanti, avrebbero preso un estintore del sottopasso e l'avrebbero svuotato. Così, per vedere l'effetto che fa. Senza alcun motivo. Tra risatine e commentini. Dopodiché la fuga di corsa uscendo sul versante di Marghera, facendo perdere le proprie tracce. Forse non consapevoli fino in fondo che nel caso vengano identificati rischiano una denuncia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento