Traffico, onde, alta velocità: "Canali ad alto rischio e pochi controlli"

E' la denuncia di Usb, secondo cui non è stato fatto abbastanza per regolare la navigazione a Venezia e in laguna. "A subire le conseguenze sono i lavoratori di Actv"

Caos nei rii, gare di velocità in laguna. Il sindacato Usb descrive una situazione fuori controllo nelle acque veneziane, specificando che le misure portate avanti dall'amministrazione non sono assolutamente sufficienti. Del Canal Grande si è detto più volte che in certi momenti il gran numero di unità in navigazione crea situazioni di pericolo: "Le restrinzioni ci sono state - scrive Alberto Cancian, rappresentante del settore trasporti della sigla sindacale - ma hanno colpito il trasporto pubblico, perché a tagliare corse è stata solo Actv".

Traffico e velocità

Nel Bacino di San Marco esiste un servizio che monitora la navigazione. "Ma basta andare qualche metro più in là, ovvero avvicinarsi all'Arsenale, per ritornare nel caos più totale - attacca Cancian - Vaporetti e motoscafi devono navigare zigzagando tra i lancioni privati sempre più numerosi, mentre a Sant'Elena spesso i marinai devono rinforzare gli ormeggi per le onde causate all'alta velocità dei mezzi". Stesso discorso vale per le fermate di Certosa e San Pietro, dove, rileva, "si assistono a vere e proprie gare di motonautica". Nonché a Santa Maria Elisabetta, con "i motoscafi delle linee 5.1 e 5.2 sbattuti sulla riva dalle onde delle altre unità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Servizio poco sicuro"

Non va meglio nel canale della Giudecca, dove non è raro, per i passeggeri del trasporto pubblico, bagnarsi con l'acqua della laguna. "Perché non ci sono controlli sulla velocità anche li?", si chiede il sindacalista. Mancanza di sicurezza pure nel canale delle Guglie a Cannaregio, poco largo ma molto trafficato. "A pagare le conseguenze di tutto questo - conclude - sono i dipendenti dell'azienda del trasporto pubblico locale, piloti e marinai che da tempo lamentano questa situazione. Mentre le colpe sono di chi non ha fatto nulla per rendere la città un posto piu sicuro dove poter svolgere il servizio".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rettile marino in spiaggia a Jesolo: il Tropicarium Park lo recupera

  • Le previsioni: possibili grandinate e raffiche di vento

  • Violento maltempo: tetti scoperchiati, albero caduto su una casa di cura FOTO

  • Un operaio morto sul lavoro a Maerne

  • Venti chilometri di sopraelevata per raggiungere Jesolo d'estate. Ok dal Cipe

  • 32enne trovato morto in un parcheggio a Mestre: sospetta overdose

Torna su
VeneziaToday è in caricamento